domenica 04 dicembre | 05:44
pubblicato il 14/gen/2014 11:44

Fisco: Cattaneo, sindaci pagano pegno per pasticcio mini Imu

Fisco: Cattaneo, sindaci pagano pegno per pasticcio mini Imu

(ASCA) - Roma, 14 gen 2014 - ''Siamo andati a impantanarci in un bilancio dello Stato di 800 miliardi all'anno''. Questo il commento del sindaco di Pavia, Alessandro Cattaneo, in un'intervista a Radio Capital, sul tema dell'Imu. ''Penso che sia stato giusto togliere l'Imu sulla prima casa - ha continuato - ma si doveva prendere una decisione e poi basta. I cittadini non hanno capito come pagheranno nel 2014 e anche noi sindaci chiediamo che non si cambi ogni anno''. A proposito della mini Imu, il sindaco di Pavia ha detto di essere ''tra i piu' arrabbiati, perche' avevo fatto il bilancio a marzo, poi sono state cambiate le carte a giochi fatti. Ho provato a convincere il ministro Delrio che i soldi li avrebbe messi il comune, ma non e' stato possibile''. Pavia dovra' pagare in media 19 euro, un importo irrisorio, ''piu' che altro - ha concluso Cattaneo - e' il fastidio per un pasticcio per cui noi sindaci paghiamo pegno''.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari