martedì 28 febbraio | 00:06
pubblicato il 17/mar/2014 19:52

Firenze: Carrai, non sono plurinominato del Comune

(ASCA) - Firenze, 17 mar 2014 - Marco Carrai rifiuta l'etichetta di ''plurinominato'' dal Comune di Firenze.

Carrai, molto vicino a Matteo Renzi, e' presidente di Adf, la societa' di gestione dello scalo di Firenze.

''Nella seduta odierna del consiglio comunale - scrive Carrai in una nota diffusa dal suo legale - il consigliere Tommaso Grassi, lasciando intendere cose di cui rispondera' davanti al tribunale, ha asserito che io sono un plurinominato da parte dell'amministrazione comunale di Firenze. Siccome questa sciocchezza sta da giorni campeggiando sulla cronaca di un quotidiano, voglio ricordare che il sottoscritto attualmente ricopre un unico incarico di nomina diretta da parte del Comune di Firenze, quello di consigliere di amministrazione del Gabinetto Scientifico Vieusseux. Carica - sottolinea - per la quale non ricevo alcun compenso e in relazione alla quale ho da tempo presentato le mie dimissioni, con lettera datata 22 luglio 2013''.

com-afe/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech