martedì 28 febbraio | 13:49
pubblicato il 25/nov/2011 07:45

Finmeccanica/ Guarguaglini: Lascio solo se me lo chiede premier

Giovedì il Cda deciderà la sua sorte

Finmeccanica/ Guarguaglini: Lascio solo se me lo chiede premier

Roma, 25 nov. (askanews) - "Lascio solo se me lo chiede il premier": un mantra ormai quello del numero uno di Finmeccanica Pierfrancesco Guarguaglini che lo ha ribadito in un breve colloquio al Messaggero oggi in edicola e lo ha detto anche in una intervista andata in onda ieri sera su "Servizio Pubblico", la trasmissione 'multicanale' di Michele Santoro (e dedicata ieri quasi tutta al caso Finmeccanica). L'inchiesta sulle presunte mazzette distribuite ai politici in cambio di appalti dalla holding di Stato prosegue e Finmeccanica ha convocato un consiglio di amministrazione d'emergenza per il primo dicembre, giorno in cui verosimilmente ci sarà la svolta: all'ordine del giorno c'è appunto la revisione delle deleghe del presidente, indagato dalla procura di Roma. Non ho mai creato fondi neri nè li ho mai autorizzati nè ho mai chiesto a dei dipendenti di crearli" ribadiva ieri Guarguaglini al Tg1 come a "Servizio Pubblico". "E' possibile che qualcuno abbia fatto a mia insaputa, chiaramente la cosa va dimostrata e se i giudici lo dimostreranno l'azienda interverrà duramente". Guarguaglini è indagato per false fatturazioni e frode fiscale nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte irregolarità degli appalti Enav. Le fatture emesse per operazioni inesistenti sarebbero state gestite attraverso la Selex Sistemi Integrati, la controllata di Finmeccanica alla cui guida c'è la moglie di Guarguaglini, Marina Grossi, indagata per gli stessi reati e in più per corruzione. Ad accusarli fra l'altro le dichiarazioni del consulente Lorenzo Borgogni (che ha accumulato 5,6 milioni di euro attraverso pagamenti da soggetti in affari con Finmeccanica). Il 14 novembre scorso, Finmeccanica, gioiello di punta delle aziende del Tesoro, ha varato i conti con una perdita netta rettificata di 767 milioni. Il titolo ha perso circa il 65% del valore da inizio anno. Ma Guarguaglini, ricorda oggi il Sole24ore, fino al 2010 è stato il dirigente più pagato d'Europa nel settore (4,3 milioni di euro lordi lo scorso anno, 5,5 nel 2008). A decidere del futuro sarà il Tesoro, ma per ora non commenta nè palazzo Chigi nè il ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera. Secondo il Messaggero di oggi, i nomi in lizza per la successione ai vertici sono Franco Bernabé (oggi presidente di Telecom), e quelli del 'ticket' formato da Mauro Moretti (a capo di Ferrovie, potrebbe diventare ad) e Gianni De Gennaro (ex capo della polizia, oggi direttore generale Dipartimento informazioni per la sicurezza, per la presidenza).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Pd
Orlando: non si può ridurre scissione Pd a manovra di D'Alema
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech