sabato 03 dicembre | 00:11
pubblicato il 12/feb/2013 17:07

Finmeccanica: Catone (Int.Pop.), forse disegno era svendere azienda

Finmeccanica: Catone (Int.Pop.), forse disegno era svendere azienda

(ASCA) - Roma, 12 feb - ''Non vorrei che questo anno di completa inattivita' del Governo su Finmeccanica avesse come disegno strategico quello di svendere uno degli ultimi gioielli di famiglia rimasti al nostro Paese''. Ad affermarlo in una nota e' il Segretario nazionale di Intesa Popolare, Giampiero Catone. ''Tutti questi mesi di completa inerzia decisionale - prosegue Catone - hanno portato sull'orlo del baratro Finmeccanica che, e' bene ricordarlo, impiega oltre 70.000 dipendenti, il sessanta per cento dei quali in Italia''.

''Ora non c'e' piu' tempo da perdere - conclude il Segretario di Intesa Popolare - In tempi brevissimi deve essere presa una decisione che garantisca all'azienda una governance operativa, trasferendo le deleghe dell'Amministratore delegato di Finmeccanica, Giuseppe Orsi al Consiglio di amministrazione, evitando cosi' commissariamenti inaccettabili in piena campagna elettorale''. com-ceg/mau/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari