domenica 26 febbraio | 09:45
pubblicato il 28/giu/2014 12:00

Fini si propone allenatore della destra:"per tornare a vincere"

"Troppe divisioni, serve rinnovamento o Renzi governa 20 anni"

Fini si propone allenatore della destra:"per tornare a vincere"

Roma, 28 giu. (askanews) - Visto che "non esistono uomini per tutte le stagioni", l'ex presidente della Camera fondatore di Alleanza Nazionale Gianfranco Fini ha lanciato oggi il suo ritorno a bordo campo: non più 'centravanti' ma allenatore della squadra della nuova destra. Che per ora "non c'è: troppo divisa, troppe ripicche, troppi personalismi". E che se non si scuote "rischia di far governare per i prossimi 20 anni la sinistra per la totale assenza di competitori credibili come forze di governo". Al Palazzo dei Congressi di Roma per il primo appuntamento di "Partecipa" l'associazione che cerca di coinvolgere la società civile per "L'Italia che vorresti" e per chiedere "La tua idea per la destra che non c'è". In platea qualche centinaio di persone, pochi i volti noti della vecchia stagione politica: Nino Lo Presti, Antonio Bonfiglio, Claudio Barbaro, Giuseppe Consolo, Roberto Menia, Enzo Raisi. Ma l'obiettivo di Fini è "guardare avanti", senza "sterili sfogatoi" o "psicanalisi collettiva". Del passato, Fini ha ribadito la consapevolezza "di aver commesso degli errori". Ma "questo non significa essere pentiti, perchè il tempo è galantuomo e oggi dobbiamo cercare di ragionare rivolgendoci non tanto ai partiti di destra o di centrodestra presenti in Parlamento ma ai tantissimi italiani disorientati e delusi per la condizione del centrodestra. Quegli italiani che hanno voltato le spalle al centrodestra: chi si è astenuti, chi ha votato Grillo, chi ha votato Renzi". E anche ai "delusi da Futuro e Libertà che ha avuto un risultato catastrofico". Un'azione politica con tempi lunghi, senza "cercare scorciatoie: non avrà alcun senso parlare di alleanze, bussare alle porte di questo o di quello. Siamo fuori dal Palazzo, perchè così hanno voluto gli elettori, e dobbiamo agire al di fuori dal Palazzo". Con l'obiettivo di "ridefinire un'identità della destra", senza appropriarsi dello slogan renziano della 'rottamazione' "perchè non si butta alle ortiche una storia". Ma la destra "deve alzare la bandiera del rinnovamento, di valori e principi ma anche di volti. La presunzione non è quella di tornare in campo, ma di allenare insieme ad altri una squadra che sia in grado di giocare e tornare a vincere. Un mix tra esperienza e rinnovamento, tradizione e rinnovamento". Senza commettere l'errore di puntare ad aggregare il più vasto numero di formazioni possibile: "Non è tempo di aritmetica o di sommatorie, è tempo di politica. La prossima volta che si andrà a votare, che sia tra sei mesi o 4 anni, non si può andare tutti contro la sinistra e mettere insieme Salvini che attacca Alfano, o chi dice di uscire dall'euro con chi è europeista nel Ppe".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech