venerdì 09 dicembre | 22:29
pubblicato il 13/feb/2011 16:20

Fini mostra a Lega agenda transizione e provoca Cav:Dimettiamoci

Duro per Ruby: Zimbello Occidente. Ed propone voto: Oggi o 2012

Fini mostra a Lega agenda transizione e provoca Cav:Dimettiamoci

Rho (Milano), 13 feb. (askanews) - Considera il premier "zimbello dell'Occidente". E pensa che l'escalation in atto rischi di danneggiare non solo le istituzioni, ma anche il centrodestra dei prossimi dieci anni. Visto che Futuro e libertà intende costruire un Polo alternativo alla sinistra e accogliere anche i delusi del Pdl, Gianfranco Fini lancia proprio a Silvio Berlusconi la sfida: facciamo insieme un passo indietro, si torni alle urne. Sfida tanto ardita da prevedere, in alternativa, una proposta meno provocatoria e più politica, che ha come principale interlocutore l'ex alleato leghista che Fli mira a sottrarre al Cavaliere: federalismo costituzionale e legge elettorale, poi voto nel 2012. Fli casa dei moderati - lontana dall'asse Berlusconi-Bossi e da quello Vendola-Di Pietro - che ha l'ambizione di incarnare quei valori di centrodestra "traditi" dal Pdl e di richiamarsi al popolarismo europeo, nasce a Milano con un'assemblea costituente caduta in giorni di aspro scontro politico-istituzionale. Fini non ignora la questione, e se da un parte loda il capo dello Stato per l'appello ad abbassare i toni, dall'altra parte cavalca i sentimenti antiberlusconiani sferrando una serie di duri attacchi al Cavaliere e al governo: "Occorre garantire ai magistrati di indagare", perché "la sovranità popolare non è immunità" e bisogna rispettare "la Costituzione e l'autonomia della magistratura" che "alcuni ministri" attaccano per "aizzare lo scontro". Senza contare che, a causa del caso Ruby, "siamo lo zimbello dell'Occidente". Preso atto del fllimento, Berlusconi sancisca che il patto dei cofondatori del Pdl è morto, decida di dimettersi contemporaneamente al Presidente della Camera e si torni alle urne. Sfida inaccettabile secondo lo stesso Fini, visto che Berlusconi è guidato dalla necessità di "restare a Palazzo Chigi". Terminata la pars destruens, inizia quella construens (che non prevede Berlusconi). Meglio, Fini ufficialmente chiede al premier di "battere un colpo" di fronte alla proposta di cambiare l'assetto parlamentare introducendo un Senato delle Regioni, una grande riforma federale accompagnata dalla modifica della legge elettorale. Sollecita una risposta a Berlusconi, ma di fatto propone un'agenda di governo alla Lega e alle opposizioni. Liberi, tutti, dal Cavaliere e pronti a votare nella primavera del 2012. Il resto sono sassolini dalla scarpe che Fini decide di togliersi dopo i macigni scagliati da Mirabello e Bastia umbra. E' l'unità d'Italia difesa timidamente da un Pdl che mira solo ad "assecondare" il Carroccio, ma anche il nuovo stop alla norma transitoria nel processo breve. Mitigati, questi affondi, dalla presa d'atto che - fallita l'operazione 14 dicembre - Berlusconi non va sconfitto attendendo l'esito dei processi, ma facendo politica e rilanciando il partito. Proprio quel partito uscito scosso da un durissimo braccio di ferro interno durato per l'intera tre giorni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Emiliano: Renzi si dimetta anche da segretario del Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina