mercoledì 18 gennaio | 15:15
pubblicato il 04/feb/2011 19:17

Fini: Giorni non esaltanti per pubblico decoro politica

Art.54 Carta bisogna adempiere con onore funzioni pubbliche

Fini: Giorni non esaltanti per pubblico decoro politica

Roma, 4 feb. (askanews) - Questi giorni "non sono certo esaltanti per il pubblico decoro della politica". Lo afferma il presidente della Camera, Gianfranco Fini, in un messaggio inviato all'incontro sull'Idea di Patria organizzato dalla Casa Editrice Laterza. "La Costituzione - afferma la terza carica dello Stato - oltre a essere la Legge fondamentale dello Stato, rappresenta una straordinaria fonte di regole civili, che può fare da alto riferimento per i cittadini nei momenti di smarrimento morale e ideale. Proprio in questi giorni, non certo esaltanti per il pubblico decoro della politica, è stato ad esempio richiamato l'articolo 54 della Carta, che stabilisce il dovere, per i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche, di 'adempierle con disciplina e onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa