domenica 04 dicembre | 23:29
pubblicato il 22/lug/2011 19:16

Fini: Berlusconi si dimetta, maggioranza indichi nuovo premier

Terzo Polo non si tirerà indietro

Fini: Berlusconi si dimetta, maggioranza indichi nuovo premier

Roma, 22 lug. (askanews) - Silvio Berlusconi si dimetta e la maggioranza indichi un nuovo premier mettendo a punto un programma di fine legislatura: il terzo polo non si tirerà indietro. Il presidente della Camera e leader di Fli, Gianfranco Fini, chiudendo la convention del Terzo polo lancia un appello al Pdl e al presidente del Consiglio. "So che il mio appello cadrà nel vuoto, forse risponderanno con gli insulti", ha esordito. "Ma mi rivolgo ai deputati del Pdl che in privato dicono che sarebbe arrivato il momento per il premier di fare un passo indietro, di chiudere il libro dei sogni e cominciare una nuova stagione. Amici del Pdl, se ci siete battete un colpo ora perché l'Italia non può più attendere, non può più rimanere nella condizione in cui si trova. Non può continuare l'agonia del governo. Gli italiani non perdoneranno coloro che, pur potendo far qualcosa, hanno preferito rimandare a domani. Se non ora quando? Che altro deve accadere per vedere uno scatto di orgoglio, per risvegliare le coscienze?". Quindi Fini si è rivolto direttamente a Berlusconi: "Non rinnego quello che ci ha uniti per tanti anni ma a lui dico: dimostra che ami davvero l'Italia, dimostra di servirla e non di servirtene facendo un passo indietro, avendo come interesse l'interesse generale. So che la risposta sarà beffarda". Infine, "la maggioranza ha il diritto-dovere di indicare un nuovo premier, un'agenda scarna, un programma di fine legislatura, le cose da fare con urgenza. Se un governo più umile, più serio, si presentasse in Parlamento e si rivolgesse all'opposizione il terzo polo non si tirerebbe indietro, dimostrerebbe di amare l'Italia. Ma non accadrà, faranno finta che va tutto bene e continuerà l'agonia del governo". "L'Italia - ha concluso Fini - non si può permettere il lusso di una campagna elettorale che dura per tutto il 2012 o addirittura fino alla fine della legislatura. Saremo oltre il baratro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari