giovedì 19 gennaio | 08:14
pubblicato il 16/ott/2011 19:29

Fini ai giovani: chi ci crede è destinato ad avere soddisfazioni

"Il tempo è galantuomo. La bandiera è ideale da portare alto"

Fini ai giovani: chi ci crede è destinato ad avere soddisfazioni

Napoli, 16 ott. (askanews) - Il discorso di Gianfranco Fini ai militanti di Futuro e Libertà riunitisi questa mattina a Napoli, al teatro Augusteo, si chiude con un appello ai giovani, un invito a "crederci", a "farsi megafono di questo progetto - dice Fini - dell'orgoglio nazionale, dell'ideale di giustizia, dell'auspicio di giustizia sociale". E' l'invito a credere in "quella certa idea di centrodestra" che Fini ha ribadito in ogni passaggio del suo intervento, quando ha parlato di federalismo e di riforme, quando ha criticato l'attuale governo e auspicato una legge che riduca le distanze tra elettori ed eletti, quando ha sottolineato solidarietà a forze dell'ordine e magistratura e le ha indicate come capisaldi della democrazia e della legalità, quando ha criticato duramente gli scontri a Roma e condiviso i problemi dei giovani d'oggi, quando ha citato i principi a cui si ispira Futuro e Libertà e il valore dell'identità nazionale, quando ha criticato la Lega e le promesse "sconfessate", ha detto, del governo Berlusconi, quando ha affrontato i temi delicati della crisi economica, del lavoro e del precariato. Secondo il presidente della Camera, il Terzo polo sarebbe l'alternativa al centrodestra del Pdl-Lega e alla sinistra. "Andiamo avanti in povertà francescana - dice Fini - e nonostante le difficoltà. Non andiamo in televisione che è più comodo- aggiunge - noi preferiamo guardare in faccia la gente, è più vicino alla nostra idea politica". "Il tempo è galantuomo - ricorda - e chi ci crede è destinato ad avere soddisfazioni". Poi ancora un passaggio sul valore dell'identità e della coesione nazionale: "La bandiera è un ideale che non si ammaina, va tutelata e portata alta", conclude. La platea applaude mentre nel teatro, gremito di simpatizzanti, si intona l'inno nazionale. Termina così la seconda giornata del tour di Futuro e Libertà. Una tappa cominciata di buon mattino con un incontro con il direttivo dell'Unione industriali di Napoli e poi al caffè Gambrinus con i dirigenti locali del Fli e la stretta di mano, non programmata, con il sindaco Luigi De Magistris che si trovava in zona per una manifestazione del Conai.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina