martedì 06 dicembre | 19:29
pubblicato il 16/ott/2011 19:29

Fini ai giovani: chi ci crede è destinato ad avere soddisfazioni

"Il tempo è galantuomo. La bandiera è ideale da portare alto"

Fini ai giovani: chi ci crede è destinato ad avere soddisfazioni

Napoli, 16 ott. (askanews) - Il discorso di Gianfranco Fini ai militanti di Futuro e Libertà riunitisi questa mattina a Napoli, al teatro Augusteo, si chiude con un appello ai giovani, un invito a "crederci", a "farsi megafono di questo progetto - dice Fini - dell'orgoglio nazionale, dell'ideale di giustizia, dell'auspicio di giustizia sociale". E' l'invito a credere in "quella certa idea di centrodestra" che Fini ha ribadito in ogni passaggio del suo intervento, quando ha parlato di federalismo e di riforme, quando ha criticato l'attuale governo e auspicato una legge che riduca le distanze tra elettori ed eletti, quando ha sottolineato solidarietà a forze dell'ordine e magistratura e le ha indicate come capisaldi della democrazia e della legalità, quando ha criticato duramente gli scontri a Roma e condiviso i problemi dei giovani d'oggi, quando ha citato i principi a cui si ispira Futuro e Libertà e il valore dell'identità nazionale, quando ha criticato la Lega e le promesse "sconfessate", ha detto, del governo Berlusconi, quando ha affrontato i temi delicati della crisi economica, del lavoro e del precariato. Secondo il presidente della Camera, il Terzo polo sarebbe l'alternativa al centrodestra del Pdl-Lega e alla sinistra. "Andiamo avanti in povertà francescana - dice Fini - e nonostante le difficoltà. Non andiamo in televisione che è più comodo- aggiunge - noi preferiamo guardare in faccia la gente, è più vicino alla nostra idea politica". "Il tempo è galantuomo - ricorda - e chi ci crede è destinato ad avere soddisfazioni". Poi ancora un passaggio sul valore dell'identità e della coesione nazionale: "La bandiera è un ideale che non si ammaina, va tutelata e portata alta", conclude. La platea applaude mentre nel teatro, gremito di simpatizzanti, si intona l'inno nazionale. Termina così la seconda giornata del tour di Futuro e Libertà. Una tappa cominciata di buon mattino con un incontro con il direttivo dell'Unione industriali di Napoli e poi al caffè Gambrinus con i dirigenti locali del Fli e la stretta di mano, non programmata, con il sindaco Luigi De Magistris che si trovava in zona per una manifestazione del Conai.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni