venerdì 20 gennaio | 19:04
pubblicato il 22/set/2015 13:20

Fico a Renzi: vai in ogni talk show, li attacchi per tuo interesse

"Servizio pubblico tuteli pluralismo, non solo quello dei partiti"

Fico a Renzi: vai in ogni talk show, li attacchi per tuo interesse

Roma, 22 set. (askanews) - Roberto Fico replica a Matteo Renzi. Il presidente M5S della commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai prende posizione con un post su Facebook dopo l'attacco del presidente del Consiglio ai talk show del martedì sera: "Dopo non essersi fatto sfuggire nessuna occasione per presenziare in ogni sorta di talk show, Renzi - scrive Fico - ha deciso di lanciarsi in una campagna anti talk che sorprende, visto il soggetto che la avanza e la tempistica".

"Soprattutto in periodi di campagna elettorale, quando la presenza in tv di rappresentanti di governo andrebbe ridimensionata, Renzi - ricorda Fico, che fa parte del direttorio M5S - è andato ovunque, non facendo grandi distinzioni tra programmi di approfondimento o di intrattenimento e costume, proponendosi ai cittadini nella doppia veste di presidente del Consiglio e segretario del Partito democratico. Con buona pace di qualsiasi principio di par condicio. Ora si scaglia contro programmi e conduttori. Perché, secondo voi? Lo fa nell'interesse dei cittadini e per spingere verso un innalzamento della qualità del servizio pubblico o è per un puro interesse di parte, per controllare quel racconto e utilizzarlo a proprio piacimento?".

A giudizio del deputato stellato "c'è chi si comporta con disonestà intellettuale, come fa Renzi, e c'è chi, invece, come il Movimento 5 stelle, da anni ha aperto una riflessione su quello che è diventata l'informazione nel nostro Paese. In particolare per la televisione è evidente come i talk siano diventati sempre più luoghi di spettacolarizzazione della politica e della cronaca e sempre meno programmi di informazione e approfondimento. Lo denunciamo da anni e anche per questo abbiamo sempre avuto un atteggiamento cauto nei loro confronti".

"Il problema - avverte tuttavia Fico - non sono i programmi o i conduttori e meno che mai la presenza e il trattamento riservato al Movimento. Sul tavolo c'è qualcosa di ben più importante che interessa tutti i cittadini e la democrazia: è l'idea stessa di informazione. Soprattutto quando si tratta del servizio pubblico che non deve rincorrere le logiche delle tv commerciali e barattare la qualità con punti di audience. Ciò che serve ai cittadini è un servizio pubblico che restituisca uno sguardo obiettivo e variegato sul nostro Paese costruendo spazi di informazione e confronto in cui venga tutelato il pluralismo politico nel suo significato più ampio, che non si identifica in alcun modo con il mero pluralismo partitico: tanti movimenti, realtà territoriali, associazioni devono trovare sempre più voce nel racconto che la tv pubblica deve fare del nostro Paese".

"Renzi, 'fatte accattà a chi nun te sape' (tradotto: lasciati comprare da chi non ti conosce)", conclude il presidente della Vigilanza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4