mercoledì 18 gennaio | 13:48
pubblicato il 18/set/2012 21:31

Fiat/ Monti vedrà Marchionne: Resti, vedremo cosa si può fare

'Ascolteremo strategia, ma risorse scarse. Puntiamo su riforme'

Fiat/ Monti vedrà Marchionne: Resti, vedremo cosa si può fare

Roma, 18 set. (askanews) - Alla fine l'incontro ci sarà, Sergio Marchionne sarà ricevuto sabato dal presidente del Consiglio Mario Monti, con i ministri Elsa Fornero e Corrado Passera. Ma per ora i toni scelti dal governo nei confronti della Fiat sono tutt'altro che ultimativi. Ovviamente, la speranza è che il gruppo "resti in Italia", ma la parola d'ordine tra i soggetti coinvolti nel dossier è "ascolto". Il premier e i ministri dello Sviluppo e del Lavoro - è la linea concordata - per ora vogliono solo "capire le intenzioni del Lingotto". E da palazzo Chigi respingono le prime letture date dell'incontro, in cui si parla di "pressing di Monti" verso l'azienda: "Non è così, non è questo l'atteggiamento con cui riceveremo Marchionne". E che la linea sia questa lo dimostra già il comunicato di palazzo Chigi, in cui non si scrive di "convocazione" ma si spiega che "si è convenuto di incontrarsi". E quale sia la richiesta del governo, lo si capisce dallo stesso comunicato, che dà conto del colloquio telefonico già intercorso tra l'Ad di Fiat e il premier: "Nell'incontro, ha assicurato il dottor Marchionne, verrà fornito il quadro informativo sulle prospettive strategiche del gruppo Fiat, con particolare riguardo all'Italia". Perchè appunto per ora il governo, spiegano da palazzo Chigi, vuole solo "capire la strategia di Fiat, avere con i vertici del Lingotto un'interlocuzione sulla situazione dell'azienda e del mercato, capire dove sono i problemi. Poi dal colloquio potrà emergere cosa si può fare, se ci sono alcuni aspetti sui quali il governo può agire". In ogni caso, altre fonti di governo chiariscono che "al momento gli argomenti per convincere la Fiat a restare al di là della sua volontà sono pochi, se non l'impegno del governo a migliorare la produttività e la competitività dell'intero Paese, e quindi anche a vantaggio della stessa Fiat". Ma insomma, si fa intendere, sono poche le misure ad hoc che l'esecutivo potrebbe mettere in campo, viste anche - si sottolinea - le scarsissime risorse disponibili in questo momento. Anche se fonti del ministero del Lavoro assicurano che "si farà tutto il possibile per convincere la Fiat". Chi pure nel governo richiama la Fiat ai suoi "doveri verso il Paese", al "rispetto verso le decine di migliaia di lavoratori coinvolti", appare dunque 'fuori linea' rispetto ai protagonisti della trattativa. Del resto, le parole pronunciate da Monti il 17 marzo, all'indomani del primo incontro a palazzo Chigi con i vertici Fiat, non lasciavano dubbi sulla posizione del premier: "Forse - aveva detto Monti - darebbe soddisfazione a un politico di vecchia maniera poter dire 'ho insistito perchè Fiat sviluppi i suoi investimenti in Italia e si ricordi di aver ricevuto dall'Italia nei decenni passati'. Certo ho detto anche questo ma chi gestisce la Fiat ha il diritto oltre che il dovere di scegliere, per i suoi investimenti, le localizzazioni che ritiene più convenienti". Parole che da palazzo Chigi confermano come tuttora valide. Insomma, si confida soprattutto sull'intervista rilasciata oggi a 'Repubblica' da Marchionne, in cui l'Ad prometteva che l'azienda resterà in Italia. Ma le possibilità del governo per incentivare una soluzione positiva, spiegano fonti dell'esecutivo, si limitano più che altro al "contesto" cui spesso Monti ha fatto riferimento in questi giorni durante gli incontri con le parti sociali sulla produttività. Perchè soldi, si ribadisce, "non ce ne sono".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Pd
Renzi a Napoli e Scampia: lontano da flash, vicino a difficoltà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa