giovedì 19 gennaio | 18:08
pubblicato il 16/gen/2013 14:57

Fiat: Di Pietro, vicenda vergognosa per premiata ditta Monti-Marchionne

Fiat: Di Pietro, vicenda vergognosa per premiata ditta Monti-Marchionne

(ASCA) - Roma, 16 gen - ''La vicenda della Fiat di Melfi e' vergognosa, da Paese incivile. Spero che tutti si ricordino dove e con chi Mario Monti ha cominciato la sua campagna elettorale: a Melfi, a braccetto con Sergio Marchionne. Quel giorno in fabbrica avevano fatto entrare solo alcuni lavoratori, quelli disposti ad applaudire la bella coppia.

Gli altri, in particolare quelli della Fiom, erano rimasti fuori. Nei prossimi due anni, invece, fuori dallo stabilimento di Melfi ci resteranno tutti i lavoratori, visto che Marchionne ha gia' chiesto la cassa integrazione fino alla fine del 2014''. Lo scrive sul suo blog il presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, in un post dal titolo 'Premiata ditta Monti-Marchionne', che spiega: ''A Pomigliano andra' anche peggio. La Fiat ha appena firmato con i sindacati, Fiom esclusa, un'intesa che definisce esuberi per 1400 lavoratori che erano in attesa di rientrare in produzione. Come sempre, Marchionne giura che non chiudera' altri stabilimenti in Italia e che proprio per questo ha bisogno della cassa integrazione (che per i lavoratori vuol dire una perdita di circa 7mila euro l'anno) e degli esuberi.

Mente, come fa da anni. E, per anni, tutti, tranne noi dell'Italia dei Valori, hanno fatto finta di credergli''.

''Avevamo previsto che gli investimenti promessi, da 20 miliardi di euro, non sarebbero mai arrivati; che l'accordo imposto a Pomigliano sarebbe diventato un modello, nonostante le solenni rassicurazioni di Marchionne; che il cuore e la mente dell'azienda si sarebbero spostati negli Usa e la produzione qua e la' per il mondo, a seconda di dove i governi offrono piu' aiuti e il lavoro costa di meno. Avevamo ragione su tutto. Del resto, anche Monti quanto a bugie non scherza. Aveva detto che non si sarebbe mai candidato - sottolinea Di Pietro -, che avrebbe garantito l'equita' oltre al rigore, che avrebbe colpito i privilegiati e la Casta, che avrebbe messo all'asta le frequenze tv...Dio li fa e poi li accoppia. C'e' una sola lista che si oppone oggi e, soprattutto, si opporra' domani alla politica di Monti e di Marchionne con progetti concreti e alternativi: e' la Lista Ingroia, e' Rivoluzine civile.

Tutti gli altri, dal Pd al Pdl, applaudivano Monti e Marchionne ieri e ricominceranno domani, appena passati i finti litigi della campagna elettorale''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
M5s
Grillo lancia il "reddito universale": confronto è su idea futuro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio, 9 orologi atomici in avaria sui 18 satelliti di Galileo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale