domenica 19 febbraio | 20:22
pubblicato il 23/set/2015 21:04

Fi perde altri pezzi. Ma Berlusconi dà forfait ai senatori

Partito allo sbando mentre Cav tace. E i verdiniani crescono

Fi perde altri pezzi. Ma Berlusconi dà forfait ai senatori

Roma, 23 set. (askanews) - Un altro pezzo che se ne va al Senato, un altro parlamentare che lascia Forza Italia e approda sui lidi verdiniani. Dopo Amoruso e Auricchio tocca a Peppe Ruvolo. E non solo, visto che anche alla Camera nasce la componente Ala nel gruppo Misto: per ora 7 deputati a cui si aggiungono 4 eletti all'estero del Maie.

Il partito azzurro, insomma, continua ad arrancare e l'accordo tutto interno al Pd sulle riforme, lungi dal blindare gli incerti, sembra averli spinti ancora di più verso il sostegno alla maggioranza. Il gruppo di palazzo Madama è sotto botta e parla di compravendita. E Silvio Berlusconi che fa? Al momento poco e niente. Il Cavaliere, tra l'altro, ha dato forfait anche alla riunione del gruppo in programma per domani pomeriggio. Paolo Romani lo aveva pregato di tornare a farsi vedere, di 'coccolare' un po' i senatori che si sentono abbandonati dal loro capo. Ma il capo, alla fine, ha scelto di restarsene ad Arcore. L'impressione che sia sempre più disinteressato alle beghe politiche viene in fondo confermata anche dai big del partito. E' la coordinatrice lombarda, Maria Stella Gelmini, presentando la scuola di politica azzurra che si terrà a Brescia ad ammettere che stanno facendo pressioni sull'ex premier perché partecipi di persona all'evento e non si limiti semplicemente a una telefonata.

Come se non bastasse, a dare l'impressione di uno sbandamento, è il battibecco che nella stessa conferenza stampa si svolge tra altri due esponenti di Forza Italia. Con il senatore Francesco Giro che pronuncia la frase tabù, "abbiamo un problema di leadership" e Renato Brunetta che è costretto a corregere il tiro davanti ai giornalisti: "Un leader - dice - ce lo abbiamo, ottimo e abbondante, ma non è eleggibile".

In assenza di una parola del leader, sono i capigruppo di Camera e Senato a fare la voce grossa su quanto sta accadendo a palazzo Madama, a dirsi "indignati" e "offesi" per quella che definiscono una operazione fatta con la "sporta della spesa" invece che sulla base di principi e ideali. Per circostanze simili - ricordano - Silvio Berlusconi è sotto processo a Napoli. Anche questa volta è stata presentata una denuncia in Procura. Ironia della sorte, però, a farlo è stato il Movimento 5 stelle.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Il Pd avvia il congresso, direzione per fissare percorso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia