martedì 21 febbraio | 22:16
pubblicato il 10/set/2014 13:57

*Fi "chiama" centrodestra su alleanze: ma siano ovunque o niente

Matteoli: accordo complessivo, no a macchia di leopardo (ASCA) - Roma, 10 set 2014 - Riunire il centrodestra, a cominciare dalle prossime elezioni amministrative, con l'obiettivo di raggiungere un accordo nazionale. Forza Italia "chiama" i vecchi colleghi di coalizione a rimettersi assieme in vista degli imminenti appuntamenti elettorali. Ma con un avvertimento: accordi ovunque o niente, no intese a macchia di leopardo.

Il messaggio e' stato lanciato nel corso di una conferenza stampa nella sede del partito che e' seguita a una riunione del tavolo sulle alleanze istituito da Silvio Berlusconi. Presenti il presidente Altero Matteoli e gli altri componenti Renato Brunetta, Paolo Romani, Giovanni Toti e Sestino Giacomoni.

Assente soltanto Denis Verdini.

"Con gli ex alleati - spiega Matteoli - abbiamo gia' iniziato a discutere delle alleanze per la Calabria e l'Emilia Romagna e possiamo dirci soddisfatti" e "la prossima settimana ci sara' un incontro anche con la Lega Nord".

(segue) Bac

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Campidoglio
Grillo: ammetto le colpe a Roma, ma andiamo avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia