sabato 10 dicembre | 00:14
pubblicato il 09/giu/2014 10:06

FI: Carfagna, cambiare ora per onorare la nostra storia

FI: Carfagna, cambiare ora per onorare la nostra storia

(ASCA) - Roma, 9 giu 2014 - ''E' uno momento estremamente delicato per Forza Italia. Non solo a causa di risultati elettorali ma per lo stillicidio di dolorose scissioni che ci hanno colpito in questi ultimi anni. Ho come l'impressione che il nostro partito sia sotto l'influsso di un incantesimo alimentato da chi genera litigi insensati, divisioni sotteranee, scandali che ci lasciano sgomenti, senza alcuna possibilita' di replica''. Cosi' la portavoce del gruppo Forza Italia alla Camera dei deputati Mara Carfagna, nell'ultimo editoriale di ''Thinknews', il quotidiano online che dirige. ''Forse - continua -, la ventennale persecuzione giudiziaria di cui e' stato vittima Silvio Berlusconi e' servita, a qualcuno, per fuggire dalle proprie responsabilita'. Resto, naturalmente, garantista senza 'se' e senza 'ma', e spero che le persone coinvolte riescano a far valere pienamente la loro innocenza, ma non possiamo nasconderci che a Milano e Venezia, in due regioni che amministriamo insieme alla Lega, qualcosa sia accaduto. In Campania, nelle stesse ore in cui continuano ad alzarsi verso il cielo, con la responsabilita' complice del governo nazionale, le mortali colonne di fumo della 'Terra dei fuochi', qualcuno continua a non comprendere la drammatica gerarchia dei problemi che affliggono il nostro Sud e ne lacerano lo stesso tessuto sociale''. ''Ora - aggiunge Carfagna -, noi sappiamo che e' necessario affrontare, con coraggio, un percorso di rifondazione del nostro partito che sia in grado di dare nuova linfa al nostro rapporto con i cittadini. Questo non e' il momento di difendere il 'potere', ma il momento di ricordarsi che in una democrazia rappresentativa questo potere ci e' concesso dal popolo''. ''Le indiscrezioni e i retroscena che ci vogliono divisi, aggressivi e rancorosi sono un contributo non al semplice declino, ma all'oblio. E' giunto il tempo di assumerci tutte responsabilita' per legittimare la nostra ambizione a immaginare un futuro capace di ridare una prospettiva liberale e di speranza al nostro paese. E' giunto il tempo - conclude - di dare un senso nuovo alla nostra presenza in politica e di farlo nel rispetto della nostra storia. Una storia che non viene umiliata da chi ha il dovere di dire quello che pensa. Per esempio, parlare oggi di due manifestazioni contrapposte a Napoli, proprio in questo momento, e' del tutto inaccettabile. Sarebbe come dare vita, plasticamente, a tutto quello di cui non abbiamo bisogno''.

com-sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina