lunedì 23 gennaio | 01:12
pubblicato il 09/giu/2014 10:06

FI: Carfagna, cambiare ora per onorare la nostra storia

FI: Carfagna, cambiare ora per onorare la nostra storia

(ASCA) - Roma, 9 giu 2014 - ''E' uno momento estremamente delicato per Forza Italia. Non solo a causa di risultati elettorali ma per lo stillicidio di dolorose scissioni che ci hanno colpito in questi ultimi anni. Ho come l'impressione che il nostro partito sia sotto l'influsso di un incantesimo alimentato da chi genera litigi insensati, divisioni sotteranee, scandali che ci lasciano sgomenti, senza alcuna possibilita' di replica''. Cosi' la portavoce del gruppo Forza Italia alla Camera dei deputati Mara Carfagna, nell'ultimo editoriale di ''Thinknews', il quotidiano online che dirige. ''Forse - continua -, la ventennale persecuzione giudiziaria di cui e' stato vittima Silvio Berlusconi e' servita, a qualcuno, per fuggire dalle proprie responsabilita'. Resto, naturalmente, garantista senza 'se' e senza 'ma', e spero che le persone coinvolte riescano a far valere pienamente la loro innocenza, ma non possiamo nasconderci che a Milano e Venezia, in due regioni che amministriamo insieme alla Lega, qualcosa sia accaduto. In Campania, nelle stesse ore in cui continuano ad alzarsi verso il cielo, con la responsabilita' complice del governo nazionale, le mortali colonne di fumo della 'Terra dei fuochi', qualcuno continua a non comprendere la drammatica gerarchia dei problemi che affliggono il nostro Sud e ne lacerano lo stesso tessuto sociale''. ''Ora - aggiunge Carfagna -, noi sappiamo che e' necessario affrontare, con coraggio, un percorso di rifondazione del nostro partito che sia in grado di dare nuova linfa al nostro rapporto con i cittadini. Questo non e' il momento di difendere il 'potere', ma il momento di ricordarsi che in una democrazia rappresentativa questo potere ci e' concesso dal popolo''. ''Le indiscrezioni e i retroscena che ci vogliono divisi, aggressivi e rancorosi sono un contributo non al semplice declino, ma all'oblio. E' giunto il tempo di assumerci tutte responsabilita' per legittimare la nostra ambizione a immaginare un futuro capace di ridare una prospettiva liberale e di speranza al nostro paese. E' giunto il tempo - conclude - di dare un senso nuovo alla nostra presenza in politica e di farlo nel rispetto della nostra storia. Una storia che non viene umiliata da chi ha il dovere di dire quello che pensa. Per esempio, parlare oggi di due manifestazioni contrapposte a Napoli, proprio in questo momento, e' del tutto inaccettabile. Sarebbe come dare vita, plasticamente, a tutto quello di cui non abbiamo bisogno''.

com-sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4