venerdì 20 gennaio | 19:56
pubblicato il 19/set/2016 12:18

Fi, Brunetta: Salvini nostro alleato storico, Parisi sia più umile

"I partiti sono cose serie, altro che colonnelli e nomenclatura"

Fi, Brunetta: Salvini nostro alleato storico, Parisi sia più umile

Roma, 19 set. (askanews) - "Stefano, un po' di umiltà. Rossini a un giovane musicista disse: c'è del nuovo e del buono, peccato che il nuovo non sia buono e il buono non sia nuovo. Tutto il buono che ha detto Parisi fa parte della tradizione di Forza Italia. Il nuovo lo vedo invece ambiguo e gli ospiti, i Formigoni, i Lupi e i Sacconi, sono l'inquietante presenza di amici che votano 'sì' al referendum e a Renzi". Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un'intervista a "la Repubblica".

Non lo vede proprio come leader? "Berlusconi gli ha chiesto una due diligence di Forza Italia, lui non può allo stesso tempo lanciare un'opa che diventa ostile e in conflitto di interessi. I partiti sono cose serie, altro che colonnelli e nomenclatura come ci ha definito Parisi. No Stefano, ci sono 24 anni di storia, errori e successi. Non basta dire che in vicinanza delle elezioni si trova un qualche accordo con Salvini. E' roba da Prima repubblica, opportunismo insopportabile. Voglio invece che nasca un nuovo soggetto politico moderno, che parli a destra e al centro, riformista e che intercetti il vento del Nord".

Con la Lega? "Certo, soprattutto con Salvini, senza di lui non si va da nessuna parte. Le cose che ha detto a Pontida fanno parte della nostra storia, quella di Berlusconi, Bossi e Maroni. Sono la nostra riforma costituzionale del 2005, altro che Parisi. Ci vogliono una leadership e un'offerta politica nuove e unitarie. Lo pensiamo io, Meloni, Salvini e tutte le anime del centrodestra, come Brugnaro e Toti e con loro metto anche Parisi. Stefano è tra i protagonisti, ma se vuole contribuire a questa costruzione sia più umile".

E chi sarà il leader? "Il nostro punto di riferimento è Berlusconi, ma visto che dovremo rifare la legge elettorale dopo la vittoria del 'no' al referendum, mettiamoci dentro le primarie. Poi se c'è la volontà, le facciamo con Lega, Fdi, Fi, Fitto, Rotondi, Mauro, Storace, Quagliariello e Cesa. Se Parisi vuole dare una mano, bene. Ma si metta al lavoro con un no militante al referendum e a Renzi", conclude Brunetta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4