domenica 22 gennaio | 04:57
pubblicato il 24/mar/2011 19:56

Federalismo/Pd si astiene, passa in Bicamerale il fisco regionale

Democratici rivendicano successo: "Abbiamo evitato aumento tasse"

Federalismo/Pd si astiene, passa in Bicamerale il fisco regionale

Roma, 24 mar. (askanews) - Grazie all'astensione del Pd, il decreto legislativo sul fisco regionale ha superato lo scoglio della Bicamerale per il federalismo, dove maggioranza e opposizione sono in perfetta parità. Con la firma del Presidente Napolitano e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, sarà dunque in vigore la nuova architettura del fisco regionale. Anche se le norme avranno piena attuazione solo a decorrere dal 2013. Questa volta dunque, a differenza del parere sul fisco municipale, i 15 voti su cui può contare la maggioranza in Bicamerale sono stati sufficienti per l'approvazione del parere di maggioranza: 10 infatti sono le astensioni del Pd, solo 4 i voti contrari di Terzo polo e Idv (mancava la Lanzillotta). Non sarà quindi necessario un passaggio alle Camere, come si verificò sul fisco municipale quando il risultato di 15 a 15 obbligò il governo a presentarsi in Parlamento. Una scelta, quella del Pd di astenersi, arrivata dopo giorni di trattativa frenetica, condotta dal relatore di minoranza Francesco Boccia. I Democratici - tra le altre cose - strappano il rinvio al 2013 dell'aumento delle addizionali Irpef regionali, la garanzia dei fondi alle Regioni per il trasporto pubblico locale, la perequazione sull'Irpef contestuale alla soppressione dei trasferimenti a garanzia delle Regioni più povere, e infine la garanzia che il federalismo non farà riferimento ai trasferimenti 'tagliati' dalla manovra del 2010 ma a quelli precedenti. Un successo che fa rivendicare al Pd di aver impedito l'aumento della pressione fiscale, e che porta i Democratici a strizzare nuovamente l'occhio a Umberto Bossi: "Abbiamo dimostrato che quando si ascolta la linea del Pd il federalismo va avanti, non si fanno pasticci e non si aumenta la pressione fiscale". Soddisfatti anche i vertici del Pdl in commissione, il relatore di maggioranza Massimo Corsaro e il presidente della Bicamerale Enrico La Loggia. Il primo parla di "ottimo risultato", il secondo rileva che finalmente "gli appelli di Napolitano cominciano ad essere accolti. Il risultato è ottimo anche dal punto di vista del merito: i servizi per i cittadini sono stati garantiti e questo va salutato positivamente da tutti". Resta invece la contrarietà netta di Terzo Polo e Idv, che attaccano duramente il Pd. Per Mario Baldassarri di Fli i Democratici "si sono accontentati di un piatto di lenticchie. In questo provvedimento non c'è alcun controllo sulla spesa pubblica". Per Felice Belisario dell'Idv il Pd ha fatto "un errore" ad astenersi perchè "a parte 4-5 regioni tutte le altre saranno costrette ad aumentare le tasse".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4