domenica 19 febbraio | 22:02
pubblicato il 01/feb/2011 05:10

Federalismo: Via a conto alla rovescia, Bossi arbitro legislatura

Idv dice no e pareggio non basta, opposizione 'tenta' il Senatur

Federalismo: Via a conto alla rovescia, Bossi arbitro legislatura

Roma, 1 feb. (askanews) - Conto alla rovescia sul federalismo. Il pallottoliere in commissione bicamerale è fermo a 15 sì (11 Pdl, 3 Lega e probabilmente Helga Taller della Svp) e 15 no (10 Pd, 4 Terzo Polo, 1 Idv) sul parere favorevole al testo di decreto sul federalismo municipale, sostanzialmente condiviso dall'Anci, che il presidente della bicameralina Enrico La Loggia giovedì metterà ai voti. Una conta prevista nello stesso giorno in cui l'aula di Montecitorio sarà chiamata a pronunciarsi sul rinvio degli atti alla procura di Milano sul caso Ruby per l'inchiesta su Berlusconi, come proposto a maggioranza dalla Giunta per le autorizzazioni. Fino a domenica la Lega puntava ancora ad una vittoria anche di misura in commissione ma con un coinvolgimento anche minimo dell'opposizione. In quest'ottica, il ministro Roberto Calderoli si è affrettato ad apprezzare le proposte di correzione nel merito venute dall'Idv, a costo anche di depotenziare l'aut aut politico di Maroni, che aveva messo in chiaro: o passa il federalismo o si vota. Ma Di Pietro, dopo le parole del ministro dell'Interno, ha preannunciato il 'no' dell'Italia dei Valori (e probabilmente annullato l'incontro previsto per domani con Calderoli), unendo il proprio pollice verso a quello preannunciato e ribadito da Pd e Terzo polo. Per il Pdl un eventuale pari in commissione non si traduce automaticamente in una bocciatura del federalismo. E' Fabrizio Cicchitto ad appellarsi alla possibilità regolamentare prevista nella delega di una richiesta del Governo alle aule parlamentari di emendare e approvare testi che non abbiano incassato il parere favorevole della commissione. Ma la questione sembra ormai tutta politica. Bossi, infatti, è prossimo al bivio fra rinnovare il sostegno a Berlusconi, accettando la soluzione estrema proposta dal Pdl che può portare al massimo ad una approvazione di misura a maggioranza, o decretare la fine di questo Governo e chiedere il ritorno alle urne. Chiedere, che però non significa necessariamente ottenere. Perchè le risposte di Pd e Terzo Polo al patto per la crescita e le liberalizzazioni rilanciato oggi dal premier, (patto che ricalca un'analoga proposta lanciata mesi fa del ministro Tremonti), lasciano intendere che in caso di crisi sarà di nuovo Bossi a dover dire l'ultima parola a Napolitano sul voto. Dalle opposizioni, infatti, il 'no' al patto è stato motivato come un 'no' a Berlusconi. Con esplicita ammissione, ad esempio di Chiamparino, che se analoga proposta fosse stata avanzata da un Tremonti-Premier avrebbe avuto ben altra accoglienza. Se le cose stanno così, appare piuttosto evidente la 'tentazione' delle opposizioni al Senatur.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia