sabato 21 gennaio | 23:10
pubblicato il 01/feb/2011 05:10

Federalismo: Via a conto alla rovescia, Bossi arbitro legislatura

Idv dice no e pareggio non basta, opposizione 'tenta' il Senatur

Federalismo: Via a conto alla rovescia, Bossi arbitro legislatura

Roma, 1 feb. (askanews) - Conto alla rovescia sul federalismo. Il pallottoliere in commissione bicamerale è fermo a 15 sì (11 Pdl, 3 Lega e probabilmente Helga Taller della Svp) e 15 no (10 Pd, 4 Terzo Polo, 1 Idv) sul parere favorevole al testo di decreto sul federalismo municipale, sostanzialmente condiviso dall'Anci, che il presidente della bicameralina Enrico La Loggia giovedì metterà ai voti. Una conta prevista nello stesso giorno in cui l'aula di Montecitorio sarà chiamata a pronunciarsi sul rinvio degli atti alla procura di Milano sul caso Ruby per l'inchiesta su Berlusconi, come proposto a maggioranza dalla Giunta per le autorizzazioni. Fino a domenica la Lega puntava ancora ad una vittoria anche di misura in commissione ma con un coinvolgimento anche minimo dell'opposizione. In quest'ottica, il ministro Roberto Calderoli si è affrettato ad apprezzare le proposte di correzione nel merito venute dall'Idv, a costo anche di depotenziare l'aut aut politico di Maroni, che aveva messo in chiaro: o passa il federalismo o si vota. Ma Di Pietro, dopo le parole del ministro dell'Interno, ha preannunciato il 'no' dell'Italia dei Valori (e probabilmente annullato l'incontro previsto per domani con Calderoli), unendo il proprio pollice verso a quello preannunciato e ribadito da Pd e Terzo polo. Per il Pdl un eventuale pari in commissione non si traduce automaticamente in una bocciatura del federalismo. E' Fabrizio Cicchitto ad appellarsi alla possibilità regolamentare prevista nella delega di una richiesta del Governo alle aule parlamentari di emendare e approvare testi che non abbiano incassato il parere favorevole della commissione. Ma la questione sembra ormai tutta politica. Bossi, infatti, è prossimo al bivio fra rinnovare il sostegno a Berlusconi, accettando la soluzione estrema proposta dal Pdl che può portare al massimo ad una approvazione di misura a maggioranza, o decretare la fine di questo Governo e chiedere il ritorno alle urne. Chiedere, che però non significa necessariamente ottenere. Perchè le risposte di Pd e Terzo Polo al patto per la crescita e le liberalizzazioni rilanciato oggi dal premier, (patto che ricalca un'analoga proposta lanciata mesi fa del ministro Tremonti), lasciano intendere che in caso di crisi sarà di nuovo Bossi a dover dire l'ultima parola a Napolitano sul voto. Dalle opposizioni, infatti, il 'no' al patto è stato motivato come un 'no' a Berlusconi. Con esplicita ammissione, ad esempio di Chiamparino, che se analoga proposta fosse stata avanzata da un Tremonti-Premier avrebbe avuto ben altra accoglienza. Se le cose stanno così, appare piuttosto evidente la 'tentazione' delle opposizioni al Senatur.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4