giovedì 19 gennaio | 23:23
pubblicato il 21/gen/2011 05:10

Federalismo: Riforma al bivio, oggi si decide. Cdm verso proroga

Bossi minaccia ancora il voto ma le opposizioni non cedono

Federalismo: Riforma al bivio, oggi si decide. Cdm verso proroga

Roma, 21 gen. (askanews) - Umberto Bossi continua a minacciare il voto, "d'accordo con Berlusconi", se il federalismo dovesse saltare. Ma le opposizioni ributtano la palla nel campo del governo, e chiedono una proroga dei termini per la discussione sul decreto in materia di fisco municipale, altrimenti voteranno no. Sarà dunque il Consiglio dei Ministri di oggi a decidere se accettare la trattativa con Pd e terzo polo oppure se forzare la mano, andare avanti con il voto il 26 di gennaio e incassare a questo punto il no delle opposizioni. Che avrebbe come conseguenza, se la Lega manterrà la minaccia, il voto anticipato. Prospettiva che non spaventa il terzo polo, ("Pazienza...", dice Bocchino), ma che sembra lontana. Raccontano i commissari della Bicamerale che oggi Calderoli si è mostrato disponibile a concedere una proroga di una settimana, dieci giorni al massimo, per una "istruttoria tecnica" sul federalismo municipale. Chiarendo ovviamente che non sarebbe disponibile a "pretesti per perdere tempo". E anche sulla proroga di sei mesi dei termini per la delega (la scadenza è il 21 maggio), il ministro leghista "non è affatto apparso scandalizzato", anche se la sensazione dei commissari d'opposizione è che "al massimo si potrà parlare di 2-3 mesi". Insomma, se le impressioni dei membri d'opposizione della Bicamerale fossero fondate, domani il Cdm potrebbe dare il via libera al supplemento temporale sul fisco municipale. "Ci sono già i precedenti", ha ricordato anche il pidiellino La Loggia, che la Bicamerale presiede. La legge infatti stabilisce che il governo, anche senza parere della Bicamerale, "può" comunque emanare il decreto. "Può", e non "deve": dunque basterebbe semplicemente che il Cdm aspettasse ancora qualche giorno prima di emanare in via definitiva il decreto, concedendo tempo alla Bicamerale. Insomma, un quadro che fa dire al ministro Giulio Tremonti che "il federalismo sarà approvato in questa legislatura", e che la trattativa con l'Anci "continua ed è positiva". Del resto, spiega un esponente della Lega, di fronte alla proposta del Terzo Polo e del Pd il Carroccio difficilmente può chiudere: "Una proroga di una settimana si può concedere, se poi voteranno comunque no, si assumeranno loro la responsabilità". Nè la Lega è disponibile ad accordi col Terzo Polo per favorire un nuovo premier di centrodestra in cambio del sì al federalismo: "O il federalismo o il voto", taglia corto Bossi. E un dirigente leghista ribalta l'approccio: "Far fallire una riforma fondamentale per una persona è un atteggiamento irresponsabile". Diverso però sarebbe il ragionamento se fosse invece Berlusconi a chiedere alla Lega di far saltare il banco.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale