venerdì 09 dicembre | 16:55
pubblicato il 27/feb/2014 12:19

Federalismo fiscale: Fassino, ripartire da un testo condiviso

Federalismo fiscale: Fassino, ripartire da un testo condiviso

(ASCA) - Roma, 27 feb 2014 - ''''Sollecitiamo la predisposizione dei decreti attuativi mancanti per permettere una piena attuazione della legge 42 sul federalismo fiscale.

Un federalismo fiscale ancora lontano che dovrebbe basarsi, innanzitutto, su una piena autonomia fiscale dei sistemi territoriali. Attiviamoci per uno strumento di concertazione tra Governo, Parlamento ed enti locali per scrivere insieme un percorso convenuto'''. Cosi' il presidente dell'Anci Piero Fassino, nel corso dell'audizione alla Commissione bicamerale per il Federalismo fiscale.

''''Il primo aspetto evidente - ha detto Fassino - e' che, ad oggi, sono stati approvati solo nove decreti attuativi, il che rende la legge delega incompiuta, quindi faticosa da gestire. Ma il vero problema e' sull'esercizio 2015, su cui manca una normativa chiara. Per questo chiediamo l'intero tributo sulle abitazioni, compresi gli immobili produttivi di categoria D, anche nella prospettiva di una riduzione della pressione fiscale. Se si va verso questa direzione, i sindaci sono disposti anche a rivedere quegli strumenti perequativi su cui contano oggi, tipo il fondo di solidarieta', che presenta ancora problematicita' sul funzionamento e sulle modalita' di alimentazione. Cosi' come segnalo la assenza, in capo ai Comuni, di strumenti fiscali che agevolino gli investimenti sui territori. Mettiamoci intorno ad un tavolo e facciamo chiarezza sulla titolarita' dei tributi locali'''. Da qui l'allarme: ''''Lasciando a lungo i Comuni in mezzo al guado - dice Fassino - il rischio e' di vederli trascinare via dalla corrente. Mettiamoci definitivamente alle spalle l'orribile 2013 appena concluso. Attiviamoci per uno strumento di concertazione tra Governo, Parlamento ed enti locali per scrivere insieme un percorso convenuto. Dal 2011 ad oggi i Comuni sono stati destinatari di 38 decreti, che ci hanno costretti a fare i bilancio una volta al mese. Serve un cambio di passo, e' una scelta non piu' rinviabile'''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
Governo
Emiliano: Renzi si dimetta anche da segretario del Pd
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina