lunedì 23 gennaio | 15:44
pubblicato il 27/feb/2014 12:19

Federalismo fiscale: Fassino, ripartire da un testo condiviso

Federalismo fiscale: Fassino, ripartire da un testo condiviso

(ASCA) - Roma, 27 feb 2014 - ''''Sollecitiamo la predisposizione dei decreti attuativi mancanti per permettere una piena attuazione della legge 42 sul federalismo fiscale.

Un federalismo fiscale ancora lontano che dovrebbe basarsi, innanzitutto, su una piena autonomia fiscale dei sistemi territoriali. Attiviamoci per uno strumento di concertazione tra Governo, Parlamento ed enti locali per scrivere insieme un percorso convenuto'''. Cosi' il presidente dell'Anci Piero Fassino, nel corso dell'audizione alla Commissione bicamerale per il Federalismo fiscale.

''''Il primo aspetto evidente - ha detto Fassino - e' che, ad oggi, sono stati approvati solo nove decreti attuativi, il che rende la legge delega incompiuta, quindi faticosa da gestire. Ma il vero problema e' sull'esercizio 2015, su cui manca una normativa chiara. Per questo chiediamo l'intero tributo sulle abitazioni, compresi gli immobili produttivi di categoria D, anche nella prospettiva di una riduzione della pressione fiscale. Se si va verso questa direzione, i sindaci sono disposti anche a rivedere quegli strumenti perequativi su cui contano oggi, tipo il fondo di solidarieta', che presenta ancora problematicita' sul funzionamento e sulle modalita' di alimentazione. Cosi' come segnalo la assenza, in capo ai Comuni, di strumenti fiscali che agevolino gli investimenti sui territori. Mettiamoci intorno ad un tavolo e facciamo chiarezza sulla titolarita' dei tributi locali'''. Da qui l'allarme: ''''Lasciando a lungo i Comuni in mezzo al guado - dice Fassino - il rischio e' di vederli trascinare via dalla corrente. Mettiamoci definitivamente alle spalle l'orribile 2013 appena concluso. Attiviamoci per uno strumento di concertazione tra Governo, Parlamento ed enti locali per scrivere insieme un percorso convenuto. Dal 2011 ad oggi i Comuni sono stati destinatari di 38 decreti, che ci hanno costretti a fare i bilancio una volta al mese. Serve un cambio di passo, e' una scelta non piu' rinviabile'''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Il Mascagni Luxury Dépendance entra nel circuito Space Hotels
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4