sabato 10 dicembre | 12:20
pubblicato il 11/giu/2014 17:19

Fecondazione: Movimento Vita, non diritto a figli ma diritti del figlio

(ASCA) - Roma, 11 giu 2014 - ''Siamo alle solite: si guardano solo gli interessi, i desideri degli adulti e non gli interessi e i diritti dei bambini'': commenta cosi' Carlo Casini, presidente del Movimento per la Vita, la sentenza della Corte Costituzionale in materia di fecondazione eterologa. ''Eppure - sottolinea - la Convenzione universale dei diritti del fanciullo afferma a chiare lettere che in ogni decisione di carattere amministrativo o giudiziario riguardante i minori deve essere data prevalenza all'interesse e ai diritti del bambino. La precedente Dichiarazione sui diritti del fanciullo stabiliva che 'gli Stati devono dare al bambino il meglio di se stessi'''.

''Chiediamoci e chiediamo ai giudici se il 'meglio' per un figlio sia avere o non avere un padre e una madre certi (sotto ogni profilo: genetico, giuridico e sociale) - osserva Casini - e se una valutazione su questo 'meglio' possa essere sottratta alla sovranita' del popolo che si esprime attraverso la legge adottata dai suoi rappresentanti (nel caso in esame, addirittura confermata con un referendum) ovvero possa essere effettuata da quindici persone sia pur nominati giudici costituzionali''.

E ancora: ''Nella motivazione della sentenza in questione non vi e' alcun riferimento alla convenzione dei diritti del bambino, ma si fa solo riferimento al fatto che l'adozione ha gia' introdotto nel nostro ordinamento un criterio di genitorialita' diverso da quello genetico. Come al solito non si e' voluto considerare l'evidenza e cioe' che l'adozione e' un rimedio ad un male: l'abbandono di un minore da parte dei genitori genetici. In questo caso il 'meglio' per il bambino e' l'adozione, che non e' uno strumento per soddisfare un diritto degli adulti al figlio ma un modo di soddisfare il diritto del minore alla famiglia. Il 'meglio' per il fanciullo sarebbe di non essere abbandonato. Nel caso dell'eterologa, al contrario, l'abbandono del figlio viene istituzionalizzato ed incoraggiato: si genera deliberatamente per abbandonare.

Tanto piu' amara e' la sentenza della Corte quando si ricordi che la stessa Corte dei diritti dell'uomo di Strasburgo aveva recentemente dichiarato che il divieto di eterologa esistente nel diritto austriaco non in contrasto con i diritti umani.

La vendetta promessa da chi si oppose in modo furibondo alla legge 40 si sta consumando a colpi di decisioni giudiziarie. Nella sostanza di tale legge resta in piedi il baluardo dell'art.1 che riconosce il concepito come soggetto titolare di diritti sullo stesso piano delle altre persone coinvolte''.

''Chi propone una nuova legge per rimediare ai guasti giudiziari - conclude Casini - dovrebbe temere la cancellazione per 'dimenticanza legislativa' di cio' che i giudici non hanno avuto e non avranno il coraggio di dichiarare incostituzionale: la qualifica del concepito come individuo vivente appartenente alla specie umana, cioe' come soggetto titolare di diritti''.

com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina