giovedì 23 febbraio | 04:26
pubblicato il 08/lug/2014 20:57

Fecondazione: Lorenzin, dopo 10 agosto Dl per recepire direttive Ue

(ASCA) - Roma, 8 lug 2014 - Il ministro della salute Beatrice Lorenzin a Tg2000 torna sul tema della fecondazione artificiale, in particolare di quella eterologa, ribadendo che una Commissione di esperti ha avuto incarico fino al 28 luglio prossimo di elaborare un testo che poi possa servire per delineare le linee guida.

''E' stato un incontro molto proficuo - sottolinea il ministro Lorenzin -. Il gruppo e' composto tra i massimi esperti di fecondazione'' scelti sia dal settore pubblico che privato.

''Abbiamo affrontato temi come le diverse tipologie di screening da fare sui donatori dei gameti e iniziato ad affrontare le tematiche riguardanti i registri e l'anonimato - spiega il ministro della salute -. Il compito della commissione e' quello di prendere in esame tutta una serie di aspetti che, come ministro non potrei esaminare da sola''.

Questo al fine di dare dei suggerimenti sulle linee guida ''che vadano anche nell'interesse dei genitori e del nascituro''.

''La mia idea - sottolinea il ministro Lorenzin a Tv2000 - e' quella di arrivare al 28 luglio con questo testo per presentare l'esito di questo lavoro alle commissioni competenti di Camera e Senato''. L'intenzione, spiega ''e' quella di presentare dopo la pausa del 10 agosto un decreto legge per il recepimento delle direttive europee sull'eterologa ed avere cosi' i requisiti per poi poter fare le linee guida''. I passaggi sono chiari:''Sicuramente dobbiamo andare in Parlamento per fare il recepimento delle direttive europee che non abbiamo recepito in passato - sottolinea il ministro - perche' la fecondazione omologa non lo prevedeva e poi, dall'altra parte, ci sono alcune condizioni che sono emerse e che a mio parere sono questioni non risolvibili semplicemente con delle linee guida ma che vanno inserite in un dibattito parlamentare''. Inoltre, tiene a precisare il ministro ''quello che succede e' un fatto molto bizzarro perche' mi si chiede di fare tutto io in via amministrativa, ma di fare come vogliono alcuni, che penso che sia un po' eccessivo. Io vorrei poter mettere mano a una normativa molto semplice'' - aggiunge la Lorenzin-. Vorrei che questa materia non fosse tirata da motivazioni ideologiche ma che riuscissimo ad affrontarla con buon senso''. Sulla Legge 40 infine ribadisce:''Dobbiamo implementare la legge 40 con un pezzo che manca che e' un pezzo importante, che ci apre delle problematiche, alcune di carattere proprio strettamente sanitario, altre di carattere giuridico e altre di carattere etico''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech