mercoledì 18 gennaio | 03:34
pubblicato il 07/lug/2014 18:54

Fecondazione: il neonatologo, no a diritto bambini conoscere biogenitore

(ASCA) - Roma, 7 lug 2014 - ''Certamente c'e' una sentenza da rispettare. Ma linee guida e norme sono necessarie o si rischia il far west''. E queste norme ''devono garantire l'anonimato a chi dona'' e la serenita' ai bambini nati.

Lo sottolinea Claudio Fabris, ordinario di neonatologia all'Universita' di Torino, commentando all'Asca le anticipazioni fornite dal ministro Lorenzin sulle prossime linee guida in materia di fecondazione eterologa. ''No netto - insiste - al diritto del bambino di conoscere il proprio genitore biologico. Perche' puo' essere devastante. Lo dico come , pediatra, come neonatologo e come padre. Un bambino, un adolescente, puo' rimanere sconvolto da una tale rivelazione''. Norme e linee guida, avverte Fabris, ''dovranno essere dettate dal buon senso che, come insegna Manzoni, dovrebbe prevalere sempre sul senso comune''.

Bene, invece, spiega l'esperto, ''la decisione di introdurre test infettivi e anche genetici'' e il tetto che pone un limite alle donazioni: ''cinque va benissimo''.

mpd/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa