lunedì 27 febbraio | 05:54
pubblicato il 14/ago/2014 14:59

Fecondazione: il giurista, eterologa si puo' fare anche con legge 40

(ASCA) - Roma, 14 ago 2014 - ''Il vuoto normativo non c'e'; si puo' fare l'eterologa rispettando i paletti della legge 40/04 e le altre normative collegate e non farla sarebbe una violazione di diritti costituzionali''. Lo afferma Gianni Baldini, Professore Associato di Diritto Privato e Biodiritto all'Universita' di Firenze, Responsabile Ufficio Legale CECOS e incaricato giuridico della Regione Toscana sulla PMA.

''Sulle questioni tecniche come ad esempio il numero di donazioni da fare ovvero gli esami da svolgere - spiega - bisogna aggiornare le Linee Guida peraltro scadute da 3 anni.

Se poi il Parlamento vorra' modificare questioni etiche gia' regolate sara' ovviamente libero di farlo (su anonimato, compatibilita' genetica e altro) ma cio' non influisce con l'immediata attuazione della PMA eterologa. Il Ministro non ha nessun supporto giuridico per sostenere che la PMA eterologa e'vietata fino a che non sara' approvata una legge''. Cosi' come ''la questione dell'inserimento nei LEA della PMA e' possibile nell'ambito del Patto per la salute senza necessita' di una legge ad hoc''. ''Tradotto in termini 'regionali' - spiega il giurista - la Delibera G.R. Toscana e le Direttive tecniche come allegati di regolazione medica del servizio, sono perfettamente legittime in forza di quanto ribadito dal Presidente della Corte Costituzionale. D'altra parte anche senza atti regolativi Regionali in termini di stretto diritto i Centri di PMA privati potrebbero procedere in piena autonomia assumendosi i rischi di autoregolare dettagli tecnici quali: donazioni, esami da svolgere, eta' donatori etc''.

''Gli esperti del Ministero - conclude Baldini - continuano ad esporre il Ministro a sostenere davanti all'opinione pubblica e ai suoi colleghi del CdM l'iprescindibile esigenza prima di un Decreto Legge poi di una legge esponendo tutto il governo a questa 'brutta figura' dovrebbero trarne le conseguenze ...Non e' amminssibile oltre che il giovane governo Renzi su questi delicatissimi aspetti che involgono diritti fondamentali della persona e nuove tecnologie debba continuare ad avvalersi di coloro che la legge 40/04 hanno scritto e che a quella impostazione rimangono fedeli....fino all'ultimo''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech