venerdì 02 dicembre | 23:33
pubblicato il 19/feb/2015 15:07

Fatto pubblica lettera 2010 Verro a Berlusconi, lui la rinnega

Il quotidiano di Travaglio: editto bulgaro bis per 8 trasmissioni

Fatto pubblica lettera 2010 Verro a Berlusconi, lui la rinnega

Roma, 19 feb. (askanews) - Otto trasmissioni "fortemente connotate da teoremi pregiudizialmente antigovernativi": a segnalare negativamente Annozero, Parla con me, Che tempo che fa, In mezz'ora, Report, Ballarò, Lineanotte e Glob sarebbe stato il consigliere Rai Antonio Verro in una lettera inviata nel 2010 all'allora premier Silvio Berlusconi. La lettera viene pubblicata nell'edizione di oggi del Fatto quotidiano con il titolo: "L'Editto bulgaro bis. 'Sabotiamo otto programmi anti-B.'". Ma è lo stesso Verro a smentire tutto: è "impossibile - dice - che abbia potuto scrivere questo".

Nella lettera, inviata via fax, si spiega che i "programmi sono inseriti nel palinsesto che il Direttore Generale ha già presentato, ma su cui il consiglio non può fare decisiva interdizione". "Unico rimedio ipotizzabile - si sottolinea - sarebbe quello di mettere paletti relativi a composizione del pubblico, strettoie organizzative e scelta di ospiti politici (e non) delle suindicate trasmissioni, tramite i Direttori di rete". Nella lettera si indicava anche come di "fondamentale importanza" la nomina di Susanna Petruni a direttore di RaiDue.

Sempre al Fatto Verro conferma che il suo rapporto con Berlusconi è "quarantennale" e che è "plausibile" gli abbia potuto scrivere una lettera. Smentisce però il contenuto della lettera datata Roma, 25 agosto 2010: "E in agosto lei pensa potessi essere a Roma?", replica al giornalista. E ancora: "Impossibile che abbia potuto scrivere questo. Indicare il nome della Petruni poi! Smentisco al 100 per cento. No: al 102 per cento". Verro spiega poi che idea si è fatto del motivo per cui è stata tirata fuori questa lettera: "Sono l'unico consigliere di amministrazione che si oppone alla riforma di Gubitosi. Fare uscire proprio adesso questa missiva significa una cosa sola: tentare di mettermi in difficoltà alla vigilia di un decisivo consiglio nel quale la riforma dev'essere votata".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari