martedì 06 dicembre | 11:45
pubblicato il 10/giu/2013 13:48

Falso in bilancio: Brunetta a D'Alia, no a ritorno vecchia legge

Falso in bilancio: Brunetta a D'Alia, no a ritorno vecchia legge

(ASCA) - Roma, 10 giu - Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl, replica al ministro D'Alia favorevole al ripristinare le sanzioni penali per il reato di falso in bilancio. ''In un'intervista a ''La Stampa' il ministro per la Pubblica amministrazione e la semplificazione, Gianpiero D'Alia, torna a porre il tema della legge sul falso in bilancio lasciando intendere -dice Brunetta- che sia necessario ritornare alle vecchie leggi fasciste. Il ministro, a questo proposito, parla di ''colpi di spugna sulla disciplina dei reati societari'. Poi aggiunge che a breve fara' partire una ''task force' per garantire celerita' alla legge''. ''Quella di D'Alia -sostiene Brunetta- e' una posizione poco comprensibile. Sarebbe bene che il ministro chiarisca il suo pensiero. Dell'attuazione di quale legge parla? Se il ministro intende accelerare sulla legge per la trasparenza e il merito scritta dal governo Berlusconi o rendere via via efficaci le disposizioni per il contrasto alla corruzione, il gruppo dei deputati del Pdl e' al suo fianco. Se, viceversa, intende tornare alle leggi del 1942, e' bene che sappia che non siamo disponibili a un ritorno al passato. Le modifiche apportate dal governo Berlusconi alla legge sul falso in bilancio hanno introdotto nuove figure di reato per una maggior protezione del mercato, adeguato le pene ai cambiamenti intervenuti nella gestione societaria dal 1942 a oggi, inasprito le pene per i reati piu' gravi commessi dalle societa' quotate''. ''La legge sulla trasparenza e sul contrasto alla corruzione voluta dal governo Monti, poi, copia, per la gran parte, quanto gia' era scritto sul disegno di legge dell'allora ministro della Giustizia e attuale vicepremier, Angelino Alfano, e dell'allora ministro per la Pubblica amministrazione e attuale capogruppo del Pdl alla Camera, Renato Brunetta. Il ministro D'Alia -conclude Brunetta- dia impulso e vigore a quelle norme, correggendole se e dove necessario, e predisponga nel piu' breve tempo il piano nazionale anticorruzione previsto dalla legge. Senza perdere tempo in dichiarazioni, annunci, tavoli di lavoro e commissioni. Per esperienza so che questo e' il trucco dei burocrati di Palazzo per distrarre il proprio ministro dalla parte essenziale del suo lavoro''. com-min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari