martedì 17 gennaio | 14:23
pubblicato il 24/set/2014 13:42

F35: Zan (LeD), rinuncia a programma non demagogia ma risposta a crisi

(ASCA) - Roma, 24 set 2014 - ''In caso di conferma del programma F-35 da parte dell'Italia e del conseguente acquisto dei 90 caccia, il nostro Governo dovrebbe impegnare una somma che si aggira tra i 12 e i 14 milioni di euro. A questa dovremo inoltre aggiungere i fondi necessari all'acquisto dei velivoli, alla loro manutenzione, all'addestramento dei piloti e alla copertura di tutti i costi di esercizio, arrivando secondo le stime a spendere quasi 52 milioni di euro''. Ad affermarlo e' Alessandro Zan, deputato veneto di Liberta' e Diritti, nel corso delle dichiarazioni di voto sulle mozioni concernenti il programma F-35 alla Camera. ''Si tratta di una cifra enorme, se consideriamo che sarebbe impiegata per acquistare aerei da guerra, peraltro poco affidabili nelle loro fasi di sviluppo e con tanti difetti tecnici'', spiega il parlamentare di LeD, ''pensati per scenari ben differenti dallo spirito dell'articolo 11 della nostra Costituzione. Oggi abbiamo l'opportunita' di scegliere'' ha proseguito Zan, rivolgendosi ai colleghi deputati in Aula. ''Scegliere se continuare indiscriminatamente la nostra piena partecipazione al programma Joint Strike Fighter per la produzione dei cacciabombardieri F-35 o se riservare quei milioni e milioni di euro per la creare nuovi posti di lavoro qualificati e ridare un futuro economico al nostro Paese. In quest'ottica, va senza dubbio apprezzato l'orientamento assunto dal Governo di addivenire in tempi brevi all'elaborazione di un nuovo libro bianco della difesa, anche per poter avviare una seria riflessione sulla sostenibilita' di alcune scelte: ma non e' abbastanza. Il nostro Paese deve sospendere subito il programma F-35: fare altrimenti vorrebbe dire girarsi dall'altra parte difronte agli occhi smarriti degli studenti, dei disoccupati, dei cassaintegrati, dei precari, dei padri di famiglia che non arrivano a fine mese e attendono risposte dalla politica. Questa - conclude - non e' retorica e non e' demagogia, ma e' una risposta reale alla crisi del Paese''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa