domenica 04 dicembre | 17:32
pubblicato il 26/giu/2013 15:02

F35: D'Ottavio (Pd), bene indagine conoscitiva prima scelte importanti

(ASCA) - Roma, 26 giu - ''Da gennaio e' il Parlamento a decidere se acquistare sistemi d'arma e non il Governo.

Questa premessa e' fondamentale per impostare una questione dibattuta da tempo''. Lo ha affermato Umberto D'Ottavio, deputato del Pd, in merito alla discussione sugli F35 e sulle spese per gli armamenti del nostro Paese.

''Il Partito Democratico - ha aggiunto D'Ottavio -, coerentemente con quanto prevede la Costituzione, ha proposto di avviare una commissione di indagine che metta il Parlamento in condizione di decidere sul complesso dei sistemi d'arma e di difesa e soprattutto di determinare quante risorse mettere a disposizione in una situazione economica e finanziaria che ben conosciamo. Non procedere ad ulteriori acquisti e' la conseguenza delle premesse. E' una scelta saggia - ha concluso - che puo' trovare il piu' ampio consenso ed evitare facili demagogie. Il Pd e' unito e puo', su questo come su altri argomenti, dettare l'agenda del Governo''.

com-brm/sam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari