martedì 24 gennaio | 12:50
pubblicato il 03/ott/2013 12:00

Europee/ Pd sostiene candidatura Schulz a nuovo presidente Ue

Epifani la sottoscrive, ok a peggior nemico europeo Berlusconi

Europee/ Pd sostiene candidatura Schulz a nuovo presidente Ue

Roma, 3 ott. (askanews) - Il Pd sostiene candidatura la candidatura di Martin Schulz a prossimo presidente dell' Unione Europea, all'indomani delle elezioni europee 2014. Il Segretario del Pd Gugliemo Epifani ha firmato la lettera che sostiene la candidatura unitaria per tutti i progressisti europei. Schulz, attuale presidente socialista del Parlamento Ue, è forse il peggior nemico politico in Europa dell'ex premier Silvio Berlusconi, leader del Pdl con cui ebbe anche un memorabile scontro diretto nell'aula di Strasburgo. "A nome del Partito democratico italiano il segretario Guglielmo Epifani ha inviato oggi - hanno reso noto i responsabili esteri e difesa del Pd Giacomo Filibeck e Andrea Manciulli - oggi una lettera di sostegno alla presentazione della candidatura di Martin Schultz per succedere a Barroso dopo le prossime elezioni europee in rappresentanza delle forze democratiche, socialiste, social democratiche, labouriste e progressiste europee". "Come ha detto ieri il presidente del Consiglio, Enrico Letta - ricorda la dichiarazione dei dirigenti del Pd- non basta infatti sognare gli Stati Uniti d'Europa ma è fondamentale impegnarsi perché il progetto europeo riscopra la propria originale missione orientata allo sviluppo, alla prosperità, ai diritti e alla pace. E proprio in sintonia con quanto illustrato ieri alle camere da Letta il Partito democratico ha raccolto l'invito del Partito Socialista Europeo a partecipare alla selezione della candidatura comune dei progressisti per la presidenza della commissione europea". "Inizia dunque oggi un percorso - ha sottolineato ancora il Pd- che porterà le democratiche e i democratici italiani a partecipare alla prima vera campagna elettorale europea da quando nel 79 il Parlamento europeo venne eletto a suffragio universale. Avere un candidato presidente dei progressisti europei che si fa portavoce di un programma politico comune che punta al cambiamento della politica europea per orientarla a crescita, solidarietà, integrazione e giustizia sociale è un'innovazione senza precedenti che favorirà un reale confronto sul destino dell'UE nella scena pubblica europea".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
L.elettorale
L.elettorale, Grasso: riforma dovrà attendere motivazioni Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4