domenica 22 gennaio | 07:56
pubblicato il 24/apr/2014 12:22

Europee: Di Pietro, lavorero' per Idv. Leader lascino passo a giovani

(ASCA) - Roma, 24 apr 2014 - ''Anche se non saro' candidato alle prossime elezioni europee continuero' a dare il mio contributo all'Italia dei Valori, facendo campagna elettorale tra i cittadini e i nostri simpatizzanti, e lavorero' per questo Paese, come ho sempre fatto, in veste di magistrato prima, di ministro poi e di politico oggi''. Lo scrive in un post sul suo blog Antonio Di Pietro, il quale aggiunge: ''Ho fatto un lungo percorso: ho fondato un partito che, attraverso i suoi rappresentanti, ha dato la possibilita' di portare la voce dell'IdV all'interno delle istituzioni. Siamo stati protagonisti, insieme a milioni di cittadini, di importanti battaglie referendarie, abbiamo portato avanti una ferma e dura opposizione, fuori e dentro il Parlamento, smascherando gli inciuci di Palazzo. Certamente, pero', ogni storia ha il suo tempo''. ''Per questo - prosegue Di Pietro - credo che i leader di partito debbano cedere il passo alle nuove generazioni, accompagnandole nel loro percorso di crescita e formazione.

Mai come in questo momento l'Italia e l'Europa hanno bisogno della nostra forza politica. Vogliamo continuare a lavorare per ricostruire un centrosinistra che, sulla base di un programma condiviso, possa dare agli italiani un governo formato da una maggioranza ispirata dagli stessi ideali e valori. Oggi, infatti, l'attuale esecutivo e' tenuto insieme da equilibri a dir poco fragili''. ''Questo, ovviamente - spiega Di Pietro - non puo' portare a nulla di buono. In tema di riforme del lavoro, per esempio, e' emersa tutta la fragilita' dell'attuale maggioranza, retta da forze politiche completamente diverse tra loro. Gli esponenti dei vari partiti, infatti, hanno prima criticato le misure contenute nel provvedimento voluto dal Presidente del consiglio, Matteo Renzi, ma, subito dopo, si sono affrettati a dire che avrebbero comunque votato la fiducia. Insomma, non possiamo certo parlare di coerenza quanto, piuttosto, di voglia di vivacchiare e rimanere aggrappati alle proprie poltrone. Non e' un bell'esempio di fare politica''. ''Allo stesso tempo - aggiunge poi Di Pietro - l'Italia dei Valori si presentera' alle prossime elezioni europee con il proprio simbolo perche' vogliamo continuare a batterci per un'Europa diversa da quella attuale, che sia solidale e pronta ad andare in soccorso dei Paesi piu' deboli. Un'Ue non ispirata solo dai diktat del Paese piu' forte e da quelli delle banche''. ''C'e' bisogno di rimboccarsi le maniche e, con umilta' e dedizione, lavorare per fare in modo che le cose possano cambiare davvero, in Italia e in Europa'', conclude Di Pietro.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4