domenica 04 dicembre | 21:28
pubblicato il 04/set/2014 14:43

Eterologa: Gigli (PI), serve legge nazionale, luci e ombre linee Regioni

(ASCA) - Roma, 4 set 2014 - ''Il documento sull'eterologa approvato oggi dalla Conferenza della Regioni contiene alcuni elementi positivi di chiarezza, quali lo screening dei gameti per le malattie genetiche e infettive, il limite di eta' per i riceventi, il numero e la gratuita' delle donazioni.

Incomprensibile invece la possibilita' di assegnazione dei gameti sulla base di una presunta ''compatibilita'' di pelle e di aspetto somatico, con la quale si aprono prospettive piu' degne della scelta di un giocattolo che di un atto di amore e di accoglienza e si crea un'inaccettabile distinzione con le procedure di adozione. Come per le adozioni, inoltre, non potra' essere negato al bambino il diritto a conoscere i suoi genitori biologici, indipendentemente dalla volonta' dei donatori, il cui anonimato non puo' valere anche in caso di necessita' per la salute del bambino e per le esigenze della medicina legale. Lascia perplessi anche la scelta della gratuita' delle procedure, nel momento in cui terapie essenziali e innovative per malattie largamente diffuse vengono messe in discussione dalle ristrettezze di bilancio e non si trovano risorse aggiuntive per le persone non autosufficienti''. Lo dichiara in una nota, a nome del gruppo parlamentare ''Per l'Italia' della Camera, il deputato Gian Luigi Gigli. ''Infine - sottolinea Gigli -, pur non essendo parte del documento, appaiono sorprendenti le aperture del Presidente Zaia per l'estensione dell'eterologa ai single. Resta infatti in vigore l'art. 5 della legge 40 del 2004 che consente la procreazione artificiale solo alle coppie coniugate o conviventi di sesso diverso. Aprire ai single significherebbe infatti aprire alla maternita' surrogata e alla pratica neo-colonialista dell'utero in affitto che inevitabilmente comporta e permetterebbe di allargare la procedura anche alle coppie omosessuali. Anche per questo una legge nazionale e' necessaria, per tutelare il bambino e evitare una deriva verso la medicina dei desideri. Una legge nazionale potrebbe anche regolamentare l'uso dei gameti prodotti in eccesso nelle procedure di procreazione omologa e autorizzare l'impianto degli embrioni in sovrannumero congelati, se messi volontariamente a disposizione''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari