venerdì 02 dicembre | 21:29
pubblicato il 01/ott/2014 21:34

Eritrei chiedono a Papa aiuto per riconoscimento corpi naufragio

Udienza in Vaticano a sopravvissuti e famigliari 3 ottobre 2013

Eritrei chiedono a Papa aiuto per riconoscimento corpi naufragio

Roma, 1 ott. (askanews) - Papa Francesco ha ricevuto oggi presso la Santa Sede una delegazione di circa 40 eritrei superstiti e parenti delle vittime del tragico avvenimento che l'anno scorso causò la morte in mare di 368 migranti al largo delle coste di Lampedusa. "Un incontro fortemente voluto e organizzato dal Comitato 3 Ottobre - si legge in una nota diffusa dallo stesso comitato - per chiedere sostegno al Pontefice al calvario che da quasi un anno queste famiglie vivono per vedere riconosciuti i corpi dei loro cari". La delegazione, giunta a Roma appositamente per incontrare il Pontefice argentino, dopodomani sarà presente a Lampedusa insieme al Comitato 3 Ottobre per partecipare alle celebrazioni in memoria dei loro familiari e delle vittime di tutti i naufragi nel Mediterraneo.

"Il 3 ottobre al largo di Lampedusa è affondato un barcone. A bordo c'erano molti di noi e molti altri erano i nostri figli i nostri genitori, le nostre sorelle": così, riferisce la nota, l'appello a Papa Francesco pronunciato da uno dei parenti delle vittime attraverso una lettera aperta, a nome di tutti i familiari presenti e di quelli rimasti in Eritrea. "Una tragedia enorme dalla quale è difficile riprendersi e la distanza e l'incertezza non ci aiutano a superare quel trauma. Tanti di noi non sanno dove siano sepolti i nostri cari. Certamente in una delle tombe che gentilmente sono state concesse ai nostri morti dai siciliani, ma non sappiamo dove andarli a piangere, sotto quale numero siano. Santo Padre, vorremmo pregare assieme a Lei affinché quello che è successo non accada mai più. Vorremmo che Lei tornasse ancora a levare la sua voce affinché nessuno sia più costretto a fuggire dalla propria terra, la propria casa, i propri affetti; affinché nessuno sia più costretto a rischiare la vita nel lungo e difficile percorso che dal nostro paese, dai nostri paesi devastati dalla violenza, porta verso l'Europa, verso la pace e la tranquillità, verso una vita normale".

Durante l'incontro, la delegazione eritrea e il Comitato 3 Ottobre hanno donato a Papa Francesco una scultura in ferro raffigurante una bottiglia nel mare che al suo interno racchiude una famiglia, l'immagine simbolo della giornata di celebrazione organizzata dal Comitato, e nata dalla creatività del celebre fumettista Massimiliano Frezzato che si è unito all'iniziativa per sottolineare il messaggio dell'iniziativa "Proteggere le persone, non i confini".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari