martedì 21 febbraio | 01:50
pubblicato il 01/ott/2014 21:34

Eritrei chiedono a Papa aiuto per riconoscimento corpi naufragio

Udienza in Vaticano a sopravvissuti e famigliari 3 ottobre 2013

Eritrei chiedono a Papa aiuto per riconoscimento corpi naufragio

Roma, 1 ott. (askanews) - Papa Francesco ha ricevuto oggi presso la Santa Sede una delegazione di circa 40 eritrei superstiti e parenti delle vittime del tragico avvenimento che l'anno scorso causò la morte in mare di 368 migranti al largo delle coste di Lampedusa. "Un incontro fortemente voluto e organizzato dal Comitato 3 Ottobre - si legge in una nota diffusa dallo stesso comitato - per chiedere sostegno al Pontefice al calvario che da quasi un anno queste famiglie vivono per vedere riconosciuti i corpi dei loro cari". La delegazione, giunta a Roma appositamente per incontrare il Pontefice argentino, dopodomani sarà presente a Lampedusa insieme al Comitato 3 Ottobre per partecipare alle celebrazioni in memoria dei loro familiari e delle vittime di tutti i naufragi nel Mediterraneo.

"Il 3 ottobre al largo di Lampedusa è affondato un barcone. A bordo c'erano molti di noi e molti altri erano i nostri figli i nostri genitori, le nostre sorelle": così, riferisce la nota, l'appello a Papa Francesco pronunciato da uno dei parenti delle vittime attraverso una lettera aperta, a nome di tutti i familiari presenti e di quelli rimasti in Eritrea. "Una tragedia enorme dalla quale è difficile riprendersi e la distanza e l'incertezza non ci aiutano a superare quel trauma. Tanti di noi non sanno dove siano sepolti i nostri cari. Certamente in una delle tombe che gentilmente sono state concesse ai nostri morti dai siciliani, ma non sappiamo dove andarli a piangere, sotto quale numero siano. Santo Padre, vorremmo pregare assieme a Lei affinché quello che è successo non accada mai più. Vorremmo che Lei tornasse ancora a levare la sua voce affinché nessuno sia più costretto a fuggire dalla propria terra, la propria casa, i propri affetti; affinché nessuno sia più costretto a rischiare la vita nel lungo e difficile percorso che dal nostro paese, dai nostri paesi devastati dalla violenza, porta verso l'Europa, verso la pace e la tranquillità, verso una vita normale".

Durante l'incontro, la delegazione eritrea e il Comitato 3 Ottobre hanno donato a Papa Francesco una scultura in ferro raffigurante una bottiglia nel mare che al suo interno racchiude una famiglia, l'immagine simbolo della giornata di celebrazione organizzata dal Comitato, e nata dalla creatività del celebre fumettista Massimiliano Frezzato che si è unito all'iniziativa per sottolineare il messaggio dell'iniziativa "Proteggere le persone, non i confini".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia