lunedì 23 gennaio | 12:14
pubblicato il 07/mag/2014 18:47

Epatite: D'Anna (Gal), Lorenzin acceleri per nuovi farmaci e terapie

Epatite: D'Anna (Gal), Lorenzin acceleri per nuovi farmaci e terapie

(ASCA) - Roma, 7 mag 2014 - ''Accelerare, nel rispetto delle norme vigenti, il processo di autorizzazione in Italia dei farmaci per combattere l'Epatite C e mettere a punto, fin da oggi, piani terapeutici per l'accesso ai nuovi medicinali che tendano a privilegiare i malati piu' gravi''. Lo chiede il senatore Vincenzo D'Anna, vicepresidente del gruppo Grandi Autonomie e Liberta' del Senato, componente della Commissione Sanita' di Palazzo Madama, in un'interrogazione al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. ''L'Italia - rileva D'Anna - e' il Paese europeo con il maggior numero di persone positive al virus dell'HCV, con piu' del 50% dei 50.000 nuovi casi che si registrano ogni anno tra i maggiori Paesi europei ed e' anche il Paese con la piu' alta incidenza di epatocarcinoma (cancro del fegato) come conseguenza della malattia. E ancora: piu' della meta' dei trapianti di fegato correlati al virus HCV realizzati in Europa sono effettuati in Italia, il numero dei trapianti di fegato correlati all'infezione HCV e' di circa 900 all'anno e il costo del singolo trapianto si aggira oggigiorno a circa 100.000 euro.

Sono pronti per essere immessi in commercio farmaci fortemente innovativi che consentiranno una cura piu' efficace della malattia. Farmaci indicati per tutti i sei genotipi della malattia. L'Aifa sta valutando l'introduzione di questi farmaci in Italia e, da numerose notizie apparse sulla stampa, le associazioni dei pazienti italiani chiedono a gran voce di poter accedere a questi farmaci''. Nel nostro Paese, conclude il vicepresidente del Gal, ''si stima che potrebbero aver bisogno di queste terapie tra le 200 mila e le 500 mila persone. Bisogna tenere conto che l'uso di questi farmaci, bloccando la progressione della malattia e, in molti casi, determinando la guarigione degli ammalati, consente di ottenere forti risparmi della spesa socio-sanitaria (evitando trapianti e cure necessarie per una malattia cronica come l'epatite C) probabilmente tali da compensare i costi derivanti dall'immissione dei nuovi farmaci sul mercato''. com/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4