sabato 25 febbraio | 21:18
pubblicato il 06/mar/2014 12:16

Enti locali: Squitieri, 33% partecipate sono in perdita

(ASCA) - Roma, 6 mar 2014 - ''In questi anni le misure assunte per riportare il fenomeno degli organismi e delle aziende partecipate dalle amministrazioni territoriali entro confini piu' coerenti con un assetto efficiente e concorrenziale non hanno ottenuto i risultati desiderati''.

Lo ha spiegato il presidente della Corte dei Conti, nel corso di un'audizione presso la Commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale. Si tratta, ha aggiunto Squitieri, ''di un fenomeno di dimensioni ragguardevoli che incide sulla leggibilita' dei risultati contabili e la confrontabilita' delle scelte gestionali, in tal modo alterando la dimensione effettiva delle risorse gestite e, quindi, sulla funzionalita' dei meccanismi perequativi. Esso condiziona anche la tenuta degli obiettivi economici e la verifica del contributo degli enti agli obiettivi nazionali''.

L'estensione delle analisi sui fabbisogni standard anche a tali forme organizzative ''non elimina completamente il velo che rende in alcuni casi meno intelligibile il risultato ottenuto con queste forme gestionali. La scelta assunta di recente di rinunciare, nella sostanza, ad un consolidamento di tali forme organizzative nei conti dell'ente anche per la verifica nel Patto di stabilita' interno, richiede una attenta valutazione''.

Squitieri ha parlato di ''societa' con perdite croniche, sovradimensionate nel personale e con un debito insostenibile, non troverebbero infatti acquirenti sul mercato, ne' potrebbero essere liquidate se non mettendo a rischio le realta' economiche locali''.

In particolare, il problema delle perdite riguarda circa il 33 per cento delle societa' partecipate da Comuni e Province, e nel 12 per cento dei casi la perdita e' reiterata nell'ultimo triennio. Di 3.949 societa' rilevate dalla Corte di conti nel 2012, 469 hanno chiuso con segno negativo consecutivamente nel triennio, con un valore complessivo medio di 652,6 milioni di perdita.

Nelle societa' di servizi pubblici locali (acqua e rifiuti, energia e gas, trasporti) si e' concentrato il 64,6 per cento del valore totale delle perdite croniche del 2012 (625,9 milioni), cosi' distribuito: 2,9 per cento nel settore energia e gas, 18,3 nel settore acqua e rifiuti, 43,2 nel settore trasporti.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech