lunedì 05 dicembre | 10:10
pubblicato il 19/nov/2013 17:11

Enti locali: intesa Ministeri-Anci-Conf.Regioni-Sindacati su occupazione

(ASCA) - Roma, 19 nov - Salvaguardare gli attuali livelli occupazionali. Questo l'obiettivo del protocollo d'intesa siglato oggi tra il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Graziano Delrio, il ministero per la Pubblica amministrazione guidato da Gianpiero D'Alia, la Conferenza delle regioni, l'Anci, i segretari nazionali di Cgil, Cisl e Uil e i segretari di categoria della Funzione pubblica Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Fp.

''Li abbiamo invitati e cercato di coinvolgerli, ma hanno ritenuto di non firmare'', ha risposto Delrio ai cronisti in merito all'assenza dell'Unione delle province italiane (Upi), notoriamente piu' ostile ai lavori in corso di riforma degli enti locali.

In tale quadro, l'intesa siglata oggi si prefigge di ''governare il cambiamento'' e ''descrivere un assetto istituzionale'' in grado di ''garantire la funzionalita' degli enti e valorizzare lavoratrici e lavoratori''. Articolato in 8 punti, il documento permette la salvaguardia degli attuali livelli occupazionali e prevede ''l'istituzione di un tavolo permanente sul riordino degli enti locali'', partendo dall'unione dei piccoli comuni al di sotto dei 5000 abitanti e dalla trasformazione delle province.

Il protocollo e', dunque, ''importante perche' stabilisce il principio in base a cui le riforme devono essere accompagnate dalle istituzioni affinche' garantiscano la sostenibilita' del processo'', ha commentato Vasco Errani, presidente della Conferenza delle regioni.

Nel dettaglio, il protocollo stabilisce che ''gli eventuali percorsi di mobilita' tra enti non incidano sugli attuali limiti di spesa e assunzionali previsti per il personale delle amministrazioni riceventi'' e garantisce ''la copertura per i trattamenti economici del personale trasferito''.

Il documento prevede, infine, che le proposte di modifica degli enti locali verranno elaborate ''attraverso specifici emendamenti'' del disegno di legge su Citta' metropolitane, Province e Unione dei comuni che recepiscano quanto concordato, in particolare relativamente ''ai maggiori oneri che potranno derivare dai processo di trasferimento del personale che dovranno essete considerati neutri per le amministrazioni riceventi''.

Soddisfazione per l'accordo raggiunto e' stata espressa anche dai rappresentanti di Anci e dei sindacati firmatari.

stt/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari