mercoledì 18 gennaio | 03:11
pubblicato il 08/feb/2013 13:46

Enti locali: Comuni e Regioni chiedono chiarimenti su patto stabilita'

(ASCA) - Roma, 8 feb - I Comuni e le Regioni ritengono che ''sussistano tutti i presupposti di necessita' ed urgenza che legittimano l'adozione da parte del Governo di un provvedimento che risolva quelle questioni che oggi pregiudicano una corretta attivita' contabile e finanziaria degli enti''. E' quanto affermano i presidenti di Anci e Conferenza delle Regioni, Graziano Delrio e Vasco Errani in una lettera inviata al Premier Mario Monti e al Ministro dell'Economia Vittorio Grilli. '''Come piu' volte anticipato anche in sede di approvazione della legge di stabilita' per il 2013 ed evidenziato con la presentazione da parte delle Regioni e dell'ANCI di apposite proposte di modifica - scrivono Delrio ed Errani - la situazione finanziaria e di bilancio dei Comuni e delle Regioni e' insostenibile''.

''Registriamo - aggiungono - una diffusa e assolutamente maggioritaria impossibilita' a predisporre i bilanci nel rispetto dei vincoli del Patto di Stabilita' interno ed in considerazione dei tagli gravosissimi che ancora una volta colpiscono il comparto dei Comuni e il comparto delle Regioni''. Entrando nel merito delle problematiche, Delrio ed Errani segnalano che ''''per quanto riguarda i Comuni e' urgente correggere la previsione relativa al posticipo del pagamento della TARES a luglio che pone un serissimo problema di liquidita' ai Comuni che dovrebbero anticipare alle aziende i corrispettivi per erogare i servizi; e' poi indispensabile riportare il taglio a carico del comparto dei Comuni per il 2013 pari 2.250 milioni ad una cifra ragionevole e sostenibile, utilizzando i risultati conseguiti con la determinazione dei fabbisogni standard, con l'obiettivo di lavorare da subito per un percorso di riqualificazione della spesa ed efficienza ed economicita' dei servizi; e' infine necessario escludere i piccoli Comuni dal Patto di Stabilita' per il 2013, in quanto impegnati in un processo complesso di carattere ordinamentale finalizzato alla gestione associata di tutte le funzioni''.

''Per quanto riguarda le Regioni - sottolineano - e' urgente rivedere il taglio al fondo sanitario che non consente di garantire i servizi essenziali con rischi concreti di tenuta dell'intero sistema, cosi' come bisogna assicurare il finanziamento del TPL, un settore in grande difficolta' che invece necessiterebbe di investimenti innovativi. Infine permangono gravissime criticita' in materia di politiche sociali, dove si assiste ad un fabbisogno crescente con risorse scarse e decrescenti''.

Delrio ed Errani si dicono quindi '''disponibili ad un immediato confronto nel merito, certi che la nostra grande preoccupazione possa trovare ascolto e attenzione''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa