martedì 06 dicembre | 15:38
pubblicato il 08/feb/2013 12:00

Elezioni/Sondaggi preoccupano, Bersani mette condizioni a Monti

Leader Sel teme ammiccamenti al centro

Elezioni/Sondaggi preoccupano, Bersani mette condizioni a Monti

Roma, 7 feb. (askanews) - Pier Luigi Bersani ostenta sicurezza, afferma che il recupero di Silvio Berlusconi nei sondaggi è "un fatto marginale", e non può dire altrimenti perché l'abc di ogni campagna elettorale è mostrarsi ottimisti, ma al quartier generale democratico sono in molti a spuntare con preoccupazione i dati che arrivano giornalmente. L'argine a sinistra di Sel funziona poco, stando alle rilevazioni statistiche, 'Rivoluzione civile' rosicchia voti, pochi per permettere ad Antonio Ingroia di avere un peso significativo in Parlamento, ma abbastanza da indebolire Nichi Vendola e il centrosinistra. La stessa lista Monti, peraltro, non decolla e la partita al Senato è più che mai complicata. Non a caso oggi il leader democratico ha messo qualche paletto al confronto con il centro, che mette tanto in difficoltà Sel: "Siamo pronti al dialogo, ma non ad ogni prezzo". Gli ammiccamenti a Mario Monti fanno saltare i nervi a Nichi Vendola, sotto pressione perché i sondaggi non sono rassicuranti. Il leader di Sel, ieri, ne ha parlato preoccupatissimo durante una riunione del gruppo dirigente del partito: per Vendola sarebbe meglio rimandare a dopo il voto il dialogo con i centristi, adesso ci sono da vincere le elezioni e si rischia di non riuscirci sbandierando troppo l'ipotesi di un rapporto con il centro. Addirittura, stamattina Stefano Fassina, responsabile economia del Pd, era arrivato ad evocare un ritorno alle urne, nel caso in cui al Senato non dovessero bastare nemmeno i voti montiani, un modo per riposizionare il Pd chiaramente nel centrosinistra e scacciare i fantasmi delle larghe intese. Parole eccessive, però, perché Bersani sa che non ci si possono permettere leggerezze sul tema della stabilità e infatti subito dopo il leader Pd ha dato la linea: "Un paese serio non può continuare a inseguire le elezioni". E in serata ha aggiunto: "L'ipotesi di tornare al voto era legata alla vittoria di Lega e Pdl al Senato, una cosa da fantascienza". Ma al tempo stesso ha rassicurato: "Escludo nel modo più assoluto un governo di unità nazionale". Insomma, una "campagna difficile", come dicono molti dirigenti Pd che non nascondono la preoccupazione. Certo, i democratici sono pur sempre in vantaggio e come c'è stato l'efetto primarie sulle rilevazioni di dicembre, ora ci può essere una sopravvalutazione di Berlusconi dovuta all'overdose di interviste del Cavaliere. La situazione, però, si è fatta più complicata e quei paletti messi oggi a Monti sono un chiaro tentativo di ricalibrare la comunicazione. Impresa a cui si è dedicato anche Massimo D'Alema, che sul Messaggero ha difeso con forza l'alleanza Pd-Sel, appunto come chiedeva Vendola. Chiaramente, nessuno teme che Sel rompa, ma è interesse anche del Pd che la coalizione non ceda voti a Ingroia. Adm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Wine2Wine: Germania mercato maturo e complesso
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni