sabato 10 dicembre | 17:30
pubblicato il 05/mag/2012 10:22

Elezioni/In Sicilia antipasto Regionali,quasi 2 milioni al voto

Oltre Palermo alle urne Trapani e Agrigento con altri 144 Comuni

Elezioni/In Sicilia antipasto Regionali,quasi 2 milioni al voto

Palermo, 5 mag. (askanews) - Sono 147 i comuni siciliani che domenica e lunedì andranno alle urne per il rinnovo degli organi amministrativi. Una tornata elettorale che mai come questa volta tornerà utile per comprendere l'orientamento politico dell'isola, che sullo sfondo intravede l'appuntamento delle elezioni regionali il prossimo autunno. Gli aventi diritto al voto sono 1.871.422, e tre sono i capoluoghi di provincia coinvolti: Palermo, Trapani e Agrigento. Gli altri grossi comuni sono Marsala, Paternò, Misterbianco, Alcamo, Barcellona Pozzo di Gotto, Sciacca e Caltagirone. Gallodoro, in provincia di Messina, è invece il comune più piccolo, con 409 abitanti. Oltre che negli enti il cui rinnovo era già fissato per scadenza naturale, si voterà anche a Campobello di Licata, Sciacca, Aci Catena, Militello in val di Catania, Palagonia, Tremestieri Etneo, Fiumedinisi, Altavilla Milicia, Scicli e Torrenova dove i sindaci si sono dimessi o sono stati sfiduciati. Non si voterà, invece, a Racalmuto e Salemi, perché il Consiglio dei ministri ha deliberato lo scioglimento dei consigli comunali per avere riscontrato forme di condizionamento della vita amministrativa da parte della mafia. Oltre che a Palermo, gli altri due capoluoghi di provincia chiamati alle urne sono Agrigento e Trapani. Nel primo caso, a concorrere per la poltrona di sindaco saranno cinque candidati. L'uscente Marco Zambuto, dell'Udc, sostenuto del Patto per il territorio avrà di fronte Salvatore Pennica, avvocato penalista, candidato dal movimento civico Epolis ed appoggiato da Pdl e Grande Sud; Mariella Lo Bello, ex segretario provinciale della Cgil, schierata da Mpa, Pd, Fli ed Api; Giampiero Carta, impiegato dell'Agenzia delle Entrate, sostenuto da Sel, Rifondazione comunista e del movimento "Bene comune"; e Giuseppe Arnone, attuale consigliere comunale e responsabile di Legambiente, appoggiato da diversi movimenti civici. A Trapani invece sono sette i candidati a sindaco: Giuseppe Maurici, imprenditore sostenuto da Grande Sud, Grande Trapani, Mpa, Movimento popolare siciliano, Udc, Fli ed I Riformisti; Sabrina Rocca sostenuta da Trapani democratica con Vendola e dal Pd; si continua con Giuseppe Caradonna, avvocato, sostenuto da un'unica lista: Idv e Federazione della Sinistra; Vito Damiano, generale dei carabinieri in pensione, appoggiato da Pdl, Alleanza per la Sicilia e Lista Fazio; Luigi Fasoni, sostenuto da due liste: Movimento fratelli d'Italia e Partito pololare siciliano); Vincenzo Marrone D'Alberti per i Verdi; Stefano Nola, con il sostegno di Cantiere popolare e Facciamo Trapani.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina