lunedì 05 dicembre | 11:45
pubblicato il 24/mag/2011 05:10

Elezioni/Berlusconi'leghista':Milano zingaropoli. Ma Pdl fibrilla

I ministeri al Nord e il rapporto con la Lega agitano il partito

Elezioni/Berlusconi'leghista':Milano zingaropoli. Ma Pdl fibrilla

Roma, 24 mag. (askanews) - Come Umberto Bossi giovedì scorso: se vincerà Giuliano Pisapia, Milano "diventerà una zingaropoli", la "priorità" sarà costruire "una bella moschea" e la città sarà "la Stalingrado d'Italia", "insicura, caotica e disordinata". A dispetto dei proclami dei giorni scorsi sulla necessità di abbassare i toni, Silvio Berlusconi ricalca le dichiarazioni del leader leghista. Una scelta che un fedelissimo del premier, quasi rassegnato, spiega così: "Ormai vinciamo solo se i milanesi si spaventano". Berlusconi fa dunque suo uno dei cavalli di battaglia del Senatur, vista che l'altro fronte leghista, quello dei ministeri al nord, alimenta il nervosismo nel Pdl, preoccupato dallo strapotere leghista. La scelta del premier, dopo l'invasione televisiva dei giorni scorsi, è quella del web: un videomessaggio ai milanesi, uno ai napoletani. In entrambi prevale più che la proposta di Moratti e Lettieri, la paura di Pisapia e De Magistris, quest'ultimo ribattezzato "il peggio del sistema politico italiano", esponente di una sinistra estrema, rivoluzionaria, inquisitoria, giustizialista". Il primo invece ancora accostato alle "bandiere con falce e martello che hanno riempito Milano". Insomma, "l'ultima carta è quella della paura", riassume un dirigente pidiellino. Che descrive un partito e una maggioranza "ormai allo sbando, senza un obiettivo e quindi senza una strategia, che vive alla mezza giornata" e un Berlusconi ormai "privo di lucidità". Solo l'iceberg di quel "malcontento" che anche un ministro Pdl dà per sempre più montante nel partito, peraltro con la prospettiva che "se perdiamo a Milano e Napoli non ci sarà più alcun margine di recupero: scoppierà il governo". Il rapporto con la Lega, raccontano infatti dai vertici del Pdl, rischia infatti in ogni caso di deflagrare: "Se si perde a Milano potrebbero far saltare tutto, ma se vinciamo sarà praticamente impossibile dire di no alle loro richieste". A partire dal decentramento dei ministeri: ieri il premier ha provato a depotenziare la richiesta leghista, ha spiegato che si tratterebbe solo di dipartimenti. La speranza, spiega una fonte Pdl, è quella di scavallare il ballottaggio e poi provare a far passare in secondo piano la polemica. Ma la Lega insiste: "Non è uno spot elettorale, non è un coniglio tirato fuori dal cilindro in vista del ballottaggio, è una proposta, completamente slegata dalla questione del ballottaggio, che la Lega sta elaborando da tempo", ribadisce Roberto Castelli. Abbastanza per alimentare l'irritazione di Renata Polverini e Gianni Alemanno che avverte: "Il via libera di Berlusconi rappresenterebbe una rottura politica gravissima". Urge dunque un incontro con il premier, anche se Berlusconi proverà comunque a congelare la situazione, magari rinviando a dopo il ballottaggio il colloquio chiarificatore con i due amministratori romani.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari