sabato 10 dicembre | 11:53
pubblicato il 19/mag/2012 10:16

##Elezioni/A Palermo Ferrandelli tenta stop'gran ritorno'Orlando

Lunedì il successore di Cammarata, contesa nel centrosinistra

##Elezioni/A Palermo Ferrandelli tenta stop'gran ritorno'Orlando

Roma, 19 mag. (askanews) - Domenica e lunedì i palermitani saranno chiamati nuovamente alle urne per il turno di ballottaggio che, dopo dieci anni di amministrazione Cammarata, porterà all'elezione del nuovo sindaco della città. A contendersi la poltrona di primo cittadino, in una sfida tutta interna al centrosinistra, sono Leoluca Orlando, già sindaco di Palermo per tre mandati, candidato per Italia dei Valori, che nel primo turno ha ottenuto il 47% delle preferenze; e Fabrizio Ferrandelli, consigliere comunale uscente, vincitore delle primarie del Pd, che lo scorso 7 maggio ha portato a casa il 17% dei voti. Sebbene i trenta punti di distacco appaiano difficili da colmare, inducendo a ritenere fin troppo scontato l'esito del ballottaggio, Ferrandelli nei giorni scorsi non ha voluto aprire alla possibilità di "apparentamenti tecnici" con altre forze politiche, ribadendo la sua intenzione di restare al di fuori da "strategie" di partito. "Vogliamo vincere con dignità e correttezza, noi siamo leali e coerenti - ha spiegato il giovane candidato sindaco -. Per noi è ovvio che non ci saranno apparentamenti. I patti si rispettano. Non aprirò nessuna trattativa continuerò a parlare con i palermitani guardandoli dritti negli occhi, ribadendo di voler essere il sindaco dei palermitani e non dei partiti". Un ragionamento fatto anche da Leoluca Orlando il quale, vedendo profilarsi all'orizzonte uno "strepitoso successo" sul suo ex pupillo, ha confermato il "no" a possibili alleanze con altri gruppi. Però con un doveroso distinguo. Il Professore, infatti, ha lasciato la porta aperta a tutti i "palermitani presentabili", e al mondo cattolico e associativo che già in passato, in occasione dei suoi primi tre mandati di sindaco, furono insieme a lui artefici della cosiddetta "primavera di Palermo". Di certo, comunque, su un fatto i due candidati sono concordi: ovvero che le operazioni di spoglio questa volta non siano al centro di errori o polemiche, come accaduto due settimane fa, quando dalla Regione interpretarono male la nuova legge elettorale regionale che non prevede più l'estensione del voto dal candidato consigliere al sindaco a lui collegato. Come per il primo turno, anche per il ballottaggio i seggi resteranno aperti domenica dalle 8 alle 22 e lunedì dalle 7 alle 15, e lo spoglio avrà inizio subito dopo. Agli elettori sarà consegnata una sola scheda con stampati i nomi dei due candidati sindaco. Il voto si esprime tracciando una "x" sul nome del candidato scelto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina