lunedì 05 dicembre | 03:33
pubblicato il 14/mag/2011 10:04

Elezioni/ Vendola, da Milano a Reggio alleato e rivale del Pd

Alleanze a macchia di leopardo, test decisivo è quello di Pisapia

Elezioni/ Vendola, da Milano a Reggio alleato e rivale del Pd

Roma, 14 mag. (askanews) - Osteggiato perché "gay" da un imam islamico ultraconservatore, rifiutato come alleato dai centristi Rutelli e Casini perché "troppo radicale", temuto dal Pd per la sua campagna a favore delle primarie, Nichi Vendola si gioca molto alle elezioni amministrative. Il presidente della Regione Puglia, leader di Sinistra ecologia e libertà, nel recente tour a Bologna, Milano e nel Nordest ha testato la sua capacità di superare i confini meridionali. Risultato: "Piazze stracolme" dicono a Sinistra e libertà. Certo, Sel non ha grandi aspettative sui voti di lista, ma ha già moltiplicato la sua influenza inserendosi con successo nel meccanismo delle primarie: dove si sono svolte, i candidati di Vendola hanno ottenuto candidature importanti, a partire da Milano, dove Giuliano Pisapia alimenta addirittura nel centrodestra i timori di una sconfitta storica che potrebbe mettere fine all'era Berlusconi. Figlio ribelle del dalemismo, Vendola ha assorbito dal suo maestro-rivale una sottile abilità nei giochi di alleanze. La collocazione a macchia di leopardo di Sel nelle amministrative riflette questa impostazione: se a Milano, a Cagliari con il giovane Massimo Zedda (ma anche a Iglesias e ad Assisi) si gioca molto con un 'suo' candidato, dove il centrosinistra è unito sostiene il candidato comune; a Siena, a Crotone, a Savona, alla provincia di Lucca. A Bologna Vendola si è allineato al vincitore delle primarie Virginio Merola, a Napoli nella sfida Pd-Idv ha scelto Mario Morcone, uno dei più deboli fra i candidati messi in campo dal Pd. A Salerno Sel si è schierata con il potente e discusso sindaco uscente del Pd Vincenzo De Luca, ma in molte città dove i Democratici hanno detto no alle primarie non ha esitato a sfidare il principale alleato. A Pordenone c'è un candidato Idv-Sel, lo stesso accade a Rovigo con l'ex dirigente Cgil Giovanni Nalin, contrapposto a Gabriele Frigato (ex Dc e Margherita) e a Grosseto, dove il Pd ha stretto un'alleanza con l'Udc mentre Sel sta con i Verdi; e ancora a Reggio Calabria, dove il Pd va con Rifondazione e Sel è alleata di Idv e Pdci, a Cosenza dove la sfida a sinistra è Sel-Idv-Verdi contro Pd-Api e socialisti. La scommessa di Vendola è dimostrare che il Pd non può fare a meno di un alleato a sinistra: "Non bisogna avere paura - ama ripetere il leader pugliese - del fatto che ci sia una sinistra in Italia". L'obiettivo non è una rottura a sinistra, come in anni non lontani, quando era uno dei colonnelli di Bertinotti. Oggi il compromesso è sempre dietro l'angolo, come lo stesso leader pugliese ha notato parlando ad Arezzo: "Se qualcuno dieci anni fa mi avesse detto che mi sarei trovato sullo stesso palco con Walter Veltroni, per sostenere un candidato di nome Fanfani, lo avrei preso per pazzo...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari