lunedì 20 febbraio | 01:39
pubblicato il 28/mag/2011 10:05

Elezioni/ Vaticano e Cei non si schierano,ma su Milano c'è attesa

Frizioni con Lega e ok a referendum.Pensando al 'dopo-Tettamanzi'

Elezioni/ Vaticano e Cei non si schierano,ma su Milano c'è attesa

Città del Vaticano, 28 mag. (askanews) - 'Famiglia cristiana' si è spinta a fare un 'endorsement' per Giuliano Pisapia. Comunione e liberazione, accusata in ambienti della maggioranza di un sostegno timido a Letizia Moratti al primo turno, è poi arrivata, per il ballottaggio, a fare volantinaggio per la sindaco uscente sui sagrati delle chiese milanesi. La Chiesa cattolica ha confermato un pluralismo interno sempre più evidente nel corso degli ultimi anni. Quanto alle gerarchie ecclesiastiche, se il Vaticano osserva in silenzio la tornata elettorale delle amministrative e la sua ricaduta nazionale, la Conferenza episcopale - divisa al suo interno - fa attenzione a non schierarsi e, soprattutto, a non essere strumentalizzata. Segno che alcuni candidati del centrosinistra, a partire da Napoli e Milano, non entusiasmano l'insieme dell'episcopato, ma segno anche che il 'feeling' con Berlusconi si è raffreddato. Con la Lega, poi, ai tentativi di dialogo dei mesi scorsi è seguito negli ultimi giorni una chiara frenata. A marcare una rottura con il Carroccio sono stati, specie a Milano, i temi dell'immigrazione e della costruzione di una moschea. Il cardinale arcivescovo Dionigi Tettamanzi ha fatto attenzione a non fare il tifo per uno o l'altro candidato a Palazzo Marino. Ma non è stato in silenzio di fronte a certe intemperanze verbali e concettuali. L'accusa rivolta a Pisapia da Bossi e Berlusconi di trasformare la capitale lombarda in una Zingaropoli è "una boutade" che "non corrisponde alla realtà", ha detto il porporato, che ha invitato anche negli ultimi giorni i milanesi ad un atteggiamento di accoglienza e solidarietà. Le bordate partite dal 'Giornale' contro Tettamanzi, accusato di fiancheggiare Pisapia con la sua "ambiguità", è stata subito rintuzzata dall''Avvenire'. E il direttore del giornale dei vescovi, Marco Tarquinio, ha poi risposte punto per punto alla 'Padania', che aveva attaccato il segretario generale della Cei Mariano Crociata per l'ok all'ipotesi - puntellata dal rispetto della Costituzione - di costruire una moschea. Anche il discorso che il Papa ha pronunciato a Santa Maria Maggiore per l'affidamento dell'Italia alla Madonna ha messo in luce un'agenda politica lontana su diversi punti dalla sensibilità del Carroccio, a partire dalla sottolineatura di un Nord che ha bisogno di ritrovare uno spirito di "solidarietà" e può imparare dal Mezzogiorno un atteggiamento di "accoglienza". Benedetto XVI ha volato alto e non ha certo calibrato le sue parole sulle esigenze dei ballottaggi, ma ha comunque fissato sull'orizzonte alcune priorità - l'impegno per l'occupazione e il precariato, lo stop alle polemiche, una politica disinteressata - impegnativa per chiunque voglia dichiararsi impegnato a difendere i valori della Chiesa. Quanto alla Cei, l'invito a partecipare al referendum sull'acqua per garantire i beni pubblici è la conferma che l'episcopato si muove al di fuori di opportunità di parte. Per la Chiesa, ad ogni modo, la partita di Milano è interessante anche per il suo intreccio con la scelta del nuovo arcivescovo. Non che ci sia una connessione casuale tra l'elezione del sindaco e la scelta dell'arcivescovo, ma la coincidenza temporale può essere molto stretta. Tettamanzi, infatti, è in 'prorogatio' da marzo. Non c'è certezza su quando e chi, alla fine, verrà scelto dal Papa, ma voci insistenti in Curia indicano che Benedetto XVI potrebbe nominare il nuovo arcivescovo di Milano prima dell'estate. Se il nome più accreditato, non senza resistenze in Vaticano e a Milano, è quello del cardinale Angelo Scola, Patriarca di Venezia vicino a Comunione e liberazione, il totonomine impazza e non è escluso che, alla fine, il Papa opti per un 'outsider'. Il 9 giugno, intanto, è convocata l'assemblea della Congregazione dei Vescovi che potrebbe essere chiamata ad esprimersi sulla scelta del successore di Tettamanzi. Ma è anche possibile che, invece, Benedetto XVI concluda le sue consultazioni e poi decida senza il passaggio dal dicastero vaticano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia