domenica 04 dicembre | 19:19
pubblicato il 19/gen/2013 17:26

Elezioni: Tabacci, Vendola? Se estremisti son questi ben vengano

Elezioni: Tabacci, Vendola? Se estremisti son questi ben vengano

+++Per il Quirinale non c'e' solo Monti, ma anche Prodi e Amato+++.

(ASCA) - Roma, 19 gen - ''Invece di mettere una patrimoniale secca che non ha ragione di esistere, bisogna indurre coloro il cui reddito lo consenta all'acquisto del nostro debito pubblico. Io l'ho studiata nei dettagli. Una volta fatta la fotografia della situazione italiana, chi piu' ha e' chiamato a partecipare. Un prestito indotto e' diversa da una patrimoniale. Io questo ce l'ho nel programma. Quelli che stanno meglio devono fare qualcosa di piu'''.

LO ha affermato al Tgcom24 Bruno Tabacci (Centro Democratico) sul tema della patrimoniale. Parlando di una banca pubblica che finanzi le imprese, Tabacci ha osservato: ''Immaginare una banca costruita intorno alla cassa depositi e prestiti, mi sembra una cosa giusta. Galli di Confindustria e' su questa linea''.

Sulla chiusura di Ingroia al Pd, Tabacci ha detto: ''E' una buona notizia, perche' Ingroia capeggia uno schieramento polemico nella funzione del Capo dello Stato e della Corte Costituzionale. La sua candidatura che trae notorieta' dall'inchiesta tra Stato e mafia non fa bene''. Durante l'intervista non e' mancato un paragone con l'esperienza di governo di Prodi. Tabacci ha notato: ''Sapevo che Vendola sarebbe stato dentro una logica di cultura di governo. Lui non fara' come Bertinotti. In 18 mesi ho concorso alla guida della Citta' di Milano con Pisapia che era considerato un sovversivo. Se i sovversivi sono questi, ben vengano. A differenza del governo Prodi, qui c'e' un vincolo ben preciso, ovvero la decisione a maggioranza della coalizione''. Sulla mano tesa di Vendola a Monti, Tabacci ha osservato: ''L'esperienza di Vendola alla presidenza della Puglia lo ha forgiato a una grande cultura di governo. L'apertura che fa a Monti e' legata alle vicende della sua terra vista la situazione dell'Ilva di Taranto. Non serve ideologia, ma sano pragmatismo. Non e' un inciucio, ma convergenza su temi importanti''.

Infine una riflessione sul ruolo di Monti: ''Monti non e' piu' sopra le parti. Tuttavia preferisco dialogare con Monti che con Maroni. La premessa nel considerarlo una presenza di garanzia e' cambiata. Per ora il centrosinistra ha buone possibilita' di vincere, ma non dobbiamo rifare gli errori di Prodi''. Sulla corsa al Quirinale Tabacci ha fatto due nomi: ''Prodi o Amato. Monti non e' l'unico''.

com-min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari