mercoledì 25 gennaio | 01:03
pubblicato il 21/feb/2013 11:12

Elezioni: Storace, pronta nuova stagione per sanita' nel Lazio

(ASCA) - Roma, 21 feb - ''Se ci si pensa bene, quello di ieri sottoscritto a Roma tra me e Berlusconi, il contratto sulla salute per il Lazio, e' qualcosa di ancora piu' importante di quanto si preveda per la sola regione nella quale combatto per tornare presidente''. E' quanto scrive Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra e candidato alla presidenza della Regione Lazio, sul sito del partito e su Il Giornale d'Italia.

''Il capo del centrodestra - aggiunge - e lo ascrivo a merito di una sensibilita' sociale che ritrova senso politico grazie anche alla nostra presenza in coalizione, ha detto chiaro e tondo che tra le spese che uno Stato non deve tagliare solo proprio quelle che riguardano la sanita'. Che non vuol dire licenza di pacchia, che non significa sperperare. Ma che razionalizzare non deve per forza di cose significare razionare. E' la conferma sostanziale di una nostra intuizione programmatica: la salute non e' un debito ma un diritto. Investire in sanita' e' un dovere''.

''Qui sta la conseguente sottoscrizione del 'contratto' per il Lazio. Si smontano le favole sul debito - prosegue Storace - e magari si prendera' finalmente atto che l'anno di maggiore esposizione finanziaria della regione e' stato il 2006, che segno' il record di duemila miliardi di euro - governava Marrazzo da un anno e mezzo, dal maggio 2005 - e Romano Prodi lo commissario' nel 2007''.

''Ma e' il commissariamento della sanita' che va tolto di mezzo - conclude - senza ombra di dubbio. Io e Berlusconi ci siamo impegnati reciprocamente a 'identificare specifici strumenti economici diversi dal commissariamento che garantiscano piena sovranita' alla Regione in materia, in considerazione anche delle peculiari caratteristiche dei flussi sanitari prevedendo a tal fine una specifica regolamentazione per il turn over degli operatori, al fine di mantenere qualita' e continuita' delle cure'. Sostanza: via i tecnocrati; le persone hanno un valore e non sono solo numeri; il lavoro precario non puo' diventare la regola''.

com/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Grillo imbavaglia i suoi: parlate se autorizzati o andate via
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4