martedì 21 febbraio | 13:55
pubblicato il 09/gen/2013 12:00

Elezioni/ Salta incontro Todi,su cattolici competition Monti-Pd

Bersani annuncia 4 nomi cattolici, il premier presenta Marino

Elezioni/ Salta incontro Todi,su cattolici competition Monti-Pd

Roma, 9 gen. (askanews) - Per anni è stato il più fidato alleato dei vertici ecclesiali. Silvio Berlusconi era stimato dal Vaticano e dal cardinale Camillo Ruini. Un'intesa cementata da scelte come la partecipazione al Family day, la vicenda di Eluana Englaro, il testamentio biologico. Non che nel Pdl fossero tutti sulla stessa linea. Ma la battaglia su "valori non negoziabili" e bioetica, capeggiata da una pattuglia di cattolici 'doc' come Maurizio Sacconi ed Eugenia Roccella, è stata a lungo 'mainstream'. Poi sono arrivate le notti di Arcore e di Palazzo Grazioli, i primi imbarazzi, i rilievi mossi dal direttore del quotidiano dei vescovi 'Avvenire' Dino Boffo e la campagna stampa organizzata contro di lui dal 'Giornale' di famiglia. Il berlusconismo è andato in crisi, i maggiorenti della Chiesa hanno preso le distanze. Fino all'arrivo di Mario Monti e il sempre più convinto sostegno di Vaticano e Cei al Professore. Tanto più all'avvicinarsi delle elezioni. Tanto più quando Berlusconi è ridisceso in campo. E nel suo partito le posizioni 'pro life' sono state emarginate. Ultimo atto del divorzio, l'apertura del Cavaliere sulle coppie gay, mossa tempestivamente stigmatizzata, oggi, da 'Avvenire'. Il terremoto si è propagato fin dentro il mondo cattolico. Sette associazioni si riunirono a Todi, a ottobre 2011, per influire sul corso della politica. Molto attivo nell'organizzazione di quel primo incontro, 'benedetto' dalla presenza del cardinal Bagnasco, fu il ministro pidiellino Sacconi. Molti promotori, anche se non tutti, speravano che Todi fosse l'incubatore di una trasoformazione del Pdl da partito berlusconiano a Ppe italiano. L'incontro, in realtà, si concluse con una bocciatura del governo del Cavaliere. Tre delle personalità presenti nella cittadina umbra - Andrea Riccardi, Corrado Passera e Lorenzo Ornaghi - entrarono di lì a poco nel governo Monti. Le associazioni di Todi - Acli, Cisl, Coldiretti, Compagnia delle Opere, Confartigianato, Confcooperative e Mcl - si sono date appuntamento una seconda volta un anno dopo. Nel frattempo alcuni dei partecipanti - Riccardi, il presidente Acli Andrea Olivero, il presidente della provincia trentina Lorenzo Dellai, il leader Cisl Andrea Bonanni - hanno dato vita a quella che è divenuta, in breve, l'ossatura della lista civica di Monti. Un terzo incontro si sarebbe dovuto svolgere giovedì prossimo alla presenza del premier. Ma è saltato. Sfumata l'idea di costruire una terza gamba della galassia montiana - oltre a Udc/Fli e società civile - costituita da ex pidiellini e todini rimasti fuori. Troppe le divergenze. Archiviata l'era Berlusconi. E sulle sigle di Todi, ma più in generale sulla galassia cattolica, è scattata la 'competition' tra Monti e Pd. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia