sabato 03 dicembre | 20:43
pubblicato il 12/feb/2016 17:42

Elezioni Roma, sen. Pedica: "Vado a lavoro in bus, vedo i disagi"

"Li denuncio sempre su Twitter"

Elezioni Roma, sen. Pedica: "Vado a lavoro in bus, vedo i disagi"

Roma, (askanews) - Per il senatore Stefano Pedica, ex Italia dei valori oggi Pd, l'autobus è la sua auto blu. Alla conferenza stampa di presentazione dei candidati del centro sinistra per le primarie a sindaco di Roma, che si svolgeranno il prossimo 6 marzo, ha sventolato l'abbonamento dell'Atac, l'azienda municipalizzata che gestisce i trasporti della Capitale, sottolineando:

"Il servizio noi lo paghiamo e con questo - dice, sventolando l'abbonamento mensile Atac - sto verificando tutto quello che non va in questa città. Costa 35 euro, sono preparato perché prendo i mezzi ogni giorno, prendo il bus 913 da casa fino alla stazione metropolitana di Ottaviano. Interrogatemi. Vivo a Roma da anni. Ho inviato numerose foto a infoatac su Twitter, dicendo 'oggi qui c'è un rom che sta rubando, c'è una cabina che non funziona, dentro gli autobus ci sono ancora gli aghi di pino', perciò nessuno ha fatto manutenzione su tanti autobus. La quotidianità si vive con l'abbonamento, quando uno parla con i cittadini e li ascolta. E non vi dico cosa dicono".

Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari