giovedì 08 dicembre | 05:20
pubblicato il 10/mar/2013 12:00

Elezioni/ Renzi: Senza governo Bersani giocoforza il voto

A 8 punti aggiungiamo abolizione finanziamento pubblico partiti

Elezioni/ Renzi: Senza governo Bersani giocoforza il voto

Milano, 10 mar. (askanews) - "Se non ci sarà governo Bersani sarà giocoforza molto naturale che si torni a votare". Lo ha detto il sindaco di Firenze Matteo Renzi, intervistato da Fabio Fazio per "Che tempo che fa". All'intervistatore, che gli ha chiesto se preferirebbe andare a elezioni subito, Renzi ha replicato: "Io sono per qualsiasi soluzione che dia chiarezza. Che siano le elezioni o che sia un governo che faccia un piano per il lavoro e una legge elettorale". Riguardo la possibilità di un governo di larghe intese, Renzi ha affermato: "Non credo alla possibilità di un governo pd-pdl, almeno in un governo politco. La soluzione migliore in un Paese normale è che il giorno dopo le elezioni sai chi ha vinto". "Se Grillo si leva la maschera e decide di fare un governo con Bersani, per carità di Dio... - ha aggiunto Renzi - Magari chiariamoci su che cosa vuol dire uscire dall'Euro. Perché la mia opinione è che ci sia poca Europa". Secondo Renzi "tutto il pd ha detto a Bersani di andare avanti con il tentativo degli otto punti di programma da realizzare col prossimo governo. Speriamo che ce la faccia, io non sono molto ottimista ma spero di aver torto. Gli otto punti del pd vanno bene anzi ne aggiungo un altro: aboliamo il finanziamento pubblico ai partiti non fa un atto di demagogia ma un atto di serietà. Non è demagogia ma rimettersi in sintonia con il Paese". "Se non facciamo subito qualcosa di concreto nei prossimi sei mesi - ha aggiunto il sindaco di Firenze - se non paghiamo semplicemente i debiti della pubblica amministrazione, che sono bloccati dal patto di stabilità, perdiamo tra i tre e cinquecentomila posti di lavoro". Renzi si dichiara poi "assolutamente" a favore delle primarie nel pd se si dovesse andare al voto anticipato a giugno prossimo. A Fabio Fazio, che gli ha chiesto se ci sarebbe tempo per le primarie in caso di voto a giugno, Renzi ha replicato: "Assolutamente sì. Il tema delle primarie è fondamentale". "Nel Movimento 5 stelle di bello c'è che con la partecipazione popolare sta facendo passare un messaggio che il cittadino, anche attraverso il suo contributo con le mail, è importante. Il pd - ha osservato Renzi - questa cosa l'ha fatto, poi si è un po' fermato. Se oggi c'è il 46 per cento di donne in Parlamento si deve a questo sforzo del Pd. Non mi preoccupa la discussione interna al pd, ma l'Italia. Se un partito politico rinuncia a coinvolgere i cittadini vuol dire che ha perso la faccia. Speriamo che noi riusciamo a coinvolgerli".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni