lunedì 05 dicembre | 13:35
pubblicato il 16/mag/2011 20:25

Elezioni/ Pisapia stacca Moratti: da Milano scossone a Pdl-Lega

Il centrosinistra avanti, possibili ripercussioni sul governo

Elezioni/ Pisapia stacca Moratti: da Milano scossone a Pdl-Lega

Milano, 16 mag. (askanews) - Un risultato inatteso che potrebbe avere ripercussioni anche sul governo: le proiezioni sulle elezioni comunali di Milano, che vedono il candidato del centrosinistra Giuliano Pisapia in solido vantaggio sul sindaco uscente del Pdl Letizia Moratti, potrebbero innescare un terremoto nel centrodestra, dopo che lo stesso presidente del Consiglio Silvio Berlusconi aveva definito quello milanese un test nazionale. L'esponente di Sinistra Ecologia e Libertà, che alle primarie ha sconfitto il candidato ufficiale del Pd Stefano Boeri, è andato al di là delle previsioni - che lo attestavano intorno al 40% dei consensi, circa 5 punti sotto la Moratti - arrivando nelle proiezioni serali oltre il 47%, lasciando la rivale ferma sotto il 42%. Dati ancora provvisori, ma che si sono andati confermando proiezione dopo proiezione e che, alla luce dell'impegno diretto del premier nella campagna elettorale milanese, assumono una rilevanza che molti commentatori considerano clamorosa. "La sfida che Berlusconi ha lanciato, suscitando tifoserie e rese dei conti politiche - ha commentato il segretario del Pd Pierluigi Bersani - si è rivelata un boomerang di cui Pdl e Lega dovranno tenere conto. Due-tre mesi fa dissi che a Milano si vinceva facile, il mio pronostico non si è esattamente avverato, ma questo risultato va al di là delle mie aspettative". "Ci manca una piccola corsa e sarà certezza", ha commentato Giuliano Pisapia, parlando ai suoi sostenitori. "Un grazie a tutti voi - ha aggiunto - sapete che sono sempre stato prudente, gli altri dicevano prima che era impossibile, poi improbabile, probabile e infine altamente probabile. Milano merita il cambiamento - ha concluso Pisapia - e noi cambieremo Milano". Nel centrodestra la Moratti tace, mentre la linea dei commenti è quella di "aspettare i dati veri", come ha detto l'onorevole Laura Ravetto, per oggi portavoce del sindaco uscente. Certo è che ora i voti del Terzo Polo, con Manfredi Palmeri che sfiora il 6%, diventano un bacino decisivo a cui gli esponenti del Pdl, Formigoni compreso, hanno già iniziato a rivolgersi. Sul fronte del centrosinistra si guarda ai grillini, che con Mattia Calise al momento superano il 3%. In tutto questo il silenzio della Lega è particolarmente rumoroso: Bossi è chiuso nel suo ufficio di via Bellerio, ma trapelano voci che definiscono il leader del Carroccio, sceso in campo in prima persona per la Moratti all'ultimo giorno di campagna elettorale, stupito e imbarazzato per il risultato milanese. In vista dell'ormai certo ballottaggio l'impegno della Lega potrebbe essere un altro degli elementi che decideranno l'esito finale della competizione. Lme 162022 mag 11

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari