lunedì 27 febbraio | 04:41
pubblicato il 30/mag/2011 17:53

Elezioni/ Pdl travolto: ora Lega non stacchi. Opposizione esulta

Solo tre capoluoghi a centrodestra, parità per le province

Elezioni/ Pdl travolto: ora Lega non stacchi. Opposizione esulta

Roma, 30 mag. (askanews) - Sandro Bondi rimette il suo mandato da coordinatore, nel Pdl si chiede il rinnovamento e c'è già chi si appella alla Lega perché non stacchi la spina al Governo. L'onda d'urto dei ballottaggi, con la sconfitta a Milano e Napoli, colpisce la maggioranza e fa esultare l'opposizione, pronta a scendere in piazza. Luigi De Magistris e Giuliano Pisapia staccano Letizia Moratti e Gianni Lettieri di almeno dieci punti, con il 65 e 55 per cento dei voti. Ma è su tutti i ballottaggi di comunali e provinciali che il centrodestra è travolto: centrosinistra avanti, nei capoluogo, a Cosenza e Iglesias (Varese resta alla Lega) e sconfitto, oltre che a Milano e Napoli, a Cagliari, Trieste, Novara, Rimini, Grosseto, Crotone, Pordenone. Vittoria anche nei ballottaggi alle provinciali, con il centrodestra che tiene Reggio Calabria e Vercelli e il centrosinistra che resta a Trieste, Macerata e conquista Mantova. In totale, dati anche i risultati del primo turno, per le comunali finisce 22 a 8, per le provinciali otto a tre. Sandro Bondi rimette il suo mandato da coordinatore visti i risultati e rimette tutto nelle mani di Berlusconi. Per Gaetano Quagliariello, vice capogruppo al Senato, il Pdl "resta il primo partito" in Italia ma il colpo è pesante, la Lega un incognita ed è al Carroccio che si rivolge: se si vuole che il Governo resti, "non stacchi la spina". Ma la resa dei conti è dietro l'angolo, seppure Matteo Salvini la nega, convinto che nella sconfitta la Lega abbia comunque guadagnato 35 mila voti rispetto al Pdl. Berlusconi, da Bucarest, non commenta: per la stampa solo dichiarazioni ufficiali sulla visita in Romania. Esulta intanto l'opposizione. Il Pd è pronto a scendere in piazza, dal voto - commenta il vice segretario Enrico Letta - arriva "uno schiaffo" alla maggioranza, "abbiamo vinto ovunque". Fli è scettico sulla possibilità che si apra subito una crisi, ma certo, dice il vice presidente Italo Bocchino, Berlusconi "ha perso" il referendum su se stesso. Per questo ora il Premier deve fare un passo indietro e dimettersi, chiedono il segretario Udc Lorenzo Cesa e il leader Idv, Antonio Di Pietro: quello di De Magistris, candidato Idv che ha sparigliato a Napoli è un risultato che va oltre ogni aspettativa con cui, ha detto il prossimo sindaco, la città "è stata liberata".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech