lunedì 05 dicembre | 22:08
pubblicato il 15/feb/2013 12:00

Elezioni/ Pd teme 'effetto-inchieste',Monti spera larghe intese

Tante indagini possono avvantaggiare M5S e creare ingovernabilità

Elezioni/ Pd teme 'effetto-inchieste',Monti spera larghe intese

Roma, 14 feb. (askanews) - La 'grande coalizione' torna a dominare nei ragionamenti dei partiti in vista delle elezioni, in casa Pd molti temomo che l'effetto della raffica di inchieste sulla campagna elettorale possa portare altra benzina nel motore di Beppe Grillo e facilitare quello stallo su cui Mario Monti punta tutte le sue carte. Non che i centristi sembrino godere di ottima salute, ma il Professore conta su una situazione di 'pareggio' proprio per rilanciare il progetto che pure oggi è tornato a ventilare: "'Scelta Civica non ha nessuna alleanza in mente e non ha avuto nessuna conversazione in vista di alleanze, con nessuno", centrodestra e centrosinsitra "sono poli forse fatti per vincere le elezioni, ma certamente non fatti per governare. Il nostro disegno è quello di unire delle forze a favore delle riforme, magari provenienti dall'uno e dall'altro polo". Ovviamente, è un disegno attuabile solo se il risultato elettorale sarà di un certo tipo, ovvero un Pdl che non riesce a risalire a percentuali sopra al 20% e, al tempo stesso, un centro che non si colloca sotto al 15%. Ma, di sicuro, al quartier generale democratico da qualche giorno si guarda soprattutto a Grillo, come avversario temibile, non perché possa insidiare il primato del centrosinistra, ma perché può drenare i voti degli 'arrabbiati' di sinistra che nel 2008 scelsero il Pd e che in parte, appunto sull'onda delle nuove inchieste, potrebbero finire a M5S. E' chiaro che un fenomeno analogo potrebbe colpire il Pdl, ma il rischio che al Senato non ci sia una maggioranza, con un Grillo forte, rischia di aumentare. Ora, un Pdl che si piazza sotto al 20% potrebbe non reggere all'urto, il partito di Berlusconi potrebbe perdere pezzi dopo il voto, questa almeno sembra essere la speranza evocata da Monti nelle dichiarazioni di oggi. Pezzi che andrebbero a dare consistenza a un centro che dalle urne potrebbe uscire non proprio fortissimo. Il leader Pd ripete il suo mantra: "Pareggi non ce ne saranno, ma nel caso ho sempre detto che ci rivolgiamo comunque alle forze che si ritengono alternative a Berlusconi e alla Lega. Se grande coalizione vuol dire fare qualcosa con il centro destra... Non credo sia possibile". Insomma, Monti sappia che i democratici sono prontissimi ad aprire un dialogo con lui, ma si tolga dalla testa di scomporre anche lo schieramento di centrosinistra e di fare il 'perno' di nuove larghe intese. Adm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari